Fumare, stai invecchiando ed è nel tuo sangue!

Se sei una giovane donna e fumi, un'intelligenza artificiale che analizza il tuo esame del sangue ti considererà due volte più vecchia di te. È peggio degli uomini.

Trovare l'età di una persona analizzando il suo sangue è ciò che fa un'intelligenza artificiale (AI) creata dai ricercatori della società americana di biotecnologie Insilico Medicine.

Questa IA ha identificato le differenze di età biologica tra il sangue dei fumatori e dei non fumatori.

Una differenza significativa tra uomini e donne

L'analisi dell'intelligenza artificiale ha mostrato che il sangue di un fumatore e di un non fumatore non è invecchiato allo stesso modo. Se è facile riguadagnare la vera età di un non fumatore, l'età del fumatore viene moltiplicata per 1,5 a causa del fumo. Il fumatore, è meno fortunata, poiché la sua età è semplicemente moltiplicata per 2!

Per giungere a questa conclusione, l'RN ha analizzato i profili ematici di non meno di 149.000 persone, tra cui 49.000 fumatori. Dopo aver appreso automaticamente, ha cercato modelli basati su 66 diversi biomarcatori del sangue noti per mettere in relazione l'invecchiamento con il fumo, una conclusione abbastanza solida. Stranamente, questo effetto dell'invecchiamento del sangue scompare con l'età poiché la differenza non viene più osservata tra i fumatori di età superiore ai 40 anni.

Conseguenze per il corpo

"Sono lieto di far parte dello studio, che fornisce prove scientifiche convincenti che il fumo probabilmente accelererà l'invecchiamento. Polina Mamoshina, ricercatrice di Insilico Medicine, ha dichiarato in una nota. "Il fumo è un vero problema che distrugge la salute delle persone, causa la morte prematura ed è spesso la causa di molte malattie gravi. Abbiamo applicato l'intelligenza artificiale per dimostrare che il fumo aumenta significativamente la tua età biologica. "

Questo studio ovviamente non è il primo a dimostrare l'invecchiamento associato al fumo. Tuttavia, questo è il primo studio a utilizzare esami del sangue per quantificare l'invecchiamento. Questi dati sono tanto più interessanti perché sono molto significativi e facilmente accessibili.