Essere obesi a 20 anni può farti perdere fino a 10 anni di aspettativa di vita

I ricercatori australiani hanno sviluppato un modello in grado di prevedere il numero di anni rimanenti per vivere una persona in base alla sua età e peso. Secondo questo strumento, i giovani con obesità patologica potrebbero perdere fino a dieci anni di aspettativa di vita.

È noto che il sovrappeso può causare problemi di salute. Ma quanto? Secondo uno studio australiano pubblicato questo giovedì sulla rivista Il giornale internazionale dell'obesitàuna persona obesa di vent'anni potrebbe perdere fino a dieci anni di aspettativa di vita.

Il dott. Thomas Lung del George Institute for Public Health e i suoi colleghi hanno sviluppato un modello in grado di prevedere il numero di anni rimanenti per le persone dai 20 ai 60 anni, in buona salute, sovrappeso, obeso o patologicamente obeso. Di conseguenza, in media, uomini e donne con peso normale sui 20 anni possono aspettarsi di vivere altri 57 e 60 anni rispettivamente. D'altra parte, per le persone obese a questa età, l'aspettativa di vita diminuisce di sei anni per le donne e di otto anni per gli uomini. Infine, le persone gravemente obese durante i vent'anni potrebbero perdere fino a otto anni di vita per le donne e dieci per gli uomini.

Ogni anno 2,8 milioni di decessi per sovrappeso o obesità in tutto il mondo

Per gli autori dello studio, questi risultati dimostrano l'urgenza di impedire ai giovani di ingrassare troppo. "Al momento, in Australia solo il 43% degli uomini sui vent'anni e il 34% sui trenta hanno un peso sano, il che è molto preoccupante", ha affermato la professoressa Alison Hayes della School of Public Health dell'Università di Sidney, coautore dello studio. "Il nostro modello prevede un aumento dell'obesità degli adulti del 35% entro il 2025. Dobbiamo agire ora per avere una strategia di prevenzione dell'obesità rivolta agli adulti di tutte le età ma soprattutto ai giovani", afferma il dott. Thomas Lud .

Secondo questo modello, 36,3 milioni di anni di vita andranno persi tra l'attuale popolazione adulta australiana, con gli uomini che perdono in media il 27% in più di anni rispetto alle donne. In base a ciò, questa tendenza si applica a tutti gli altri paesi ricchi.

Secondo l'OMS, la prevalenza dell'obesità nel mondo è raddoppiata dal 1980 e ogni anno 2,8 milioni di persone muoiono per le conseguenze del sovrappeso o dell'obesità (malattie cardiovascolari, diabete, alcuni tipi di cancro ...). E questo, non solo nei paesi occidentali. La percentuale di individui obesi è triplicata tra gli uomini, dal 3,2% nel 1975 al 10,8% nel 2014, e più che raddoppiata tra le donne (dal 6,4% al 14,9%). L'obesità è ora "un importante problema di salute pubblica" in molte regioni a medio reddito (Pacifico, Medio Oriente, Nord Africa, alcuni stati sudamericani e caraibici), ha osservato lo studio. origine di queste cifre pubblicate nel 2015 The Lancet.

Nel 2025, il 6% degli uomini e il 9% delle donne sono a rischio di grave obesità

Pertanto, tre anni fa, oltre 2,2 miliardi di persone erano obese o in sovrappeso nel mondo. Nel dettaglio, 710 milioni di persone erano obese (5% dei bambini e 12% degli adulti). Non sorprende che gli Stati Uniti abbiano avuto la più alta percentuale di bambini obesi e giovani adulti (13%), mentre l'Egitto ha avuto la più grande percentuale di adulti obesi (35%).

Secondo l'OMS, una persona è considerata obesa quando il suo indice di massa di rame supera i 30 kg / m2. Oltre 35, parliamo di grave obesità. In 40 anni, l'IMC medio è aumentato da 21,7 a 24,2 per gli uomini e da 22,1 a 24,4 per le donne adulte, con un aumento di 1,5 kg ogni 10 anni. media. "In 40 anni, siamo passati da un mondo in cui il sottopeso è due volte più importante dell'obesità, a un mondo in cui le persone obese superano quelle che sono sottopeso", ha detto. Il professor Majid Ezzati, dell'Imperial College di Londra, che ha avviato lo studio.

Pertanto, "se la progressione dell'obesità continua allo stesso ritmo, nel 2025 circa un quinto degli uomini (18%) e delle donne (21%) sarà obeso nel mondo, mentre il 6% degli uomini e il 9% delle donne soffrirà di grave obesità ", hanno avvertito gli scienziati.