Abbiamo anche l'età dei suoi polmoni ...

Oggi, l'età delle arterie, della pelle o del cervello sono concetti compresi da tutti. L'età polmonare è un concetto meno sviluppato ma molto moderno grazie agli approcci pratici che genera per cercare di cambiare la prognosi di malattie gravi che colpiscono quattro milioni di francesi.

Il nostro corpo non può vivere senza ossigeno ... Non può vivere senza polmoni! È qui che l'ossigeno passa attraverso il sangue, attraverso gli alveoli, una specie di sacche alla fine dei nostri bronchi.

Un campo da tennis

Avere un'idea di quest'area di scambio tra l'aria e il nostro sangue, se diffondessimo tutte le nostre cellule sul terreno, rappresenterebbe per ognuno di noi l'equivalente di un campo da tennis! Il miracolo di una parte della nostra vita è in questa formidabile superficie. Ma immagina che il campo da tennis diventi un tavolo da ping-pong - ecco cosa succede in caso di invecchiamento - e il gioco ovviamente non è lo stesso.

Anche se la formula è un po 'abusata perché valida per altre funzioni del nostro corpo, il respiro è vita.

Colpi di capitale

I nostri "colpi di capitale" sono costantemente sotto la minaccia di aggressori, perché non possiamo dire che la vita moderna sia piacevole con i nostri polmoni: l'aria che respiriamo non è veramente pura e quando l'inquinamento non è sufficiente, il le infezioni da tabacco e microbi si occupano del resto. Fortunatamente i nostri polmoni beneficiano di un sofisticato sistema di difesa, ma le risorse diminuiranno lentamente nel corso degli anni. Possiamo dire che, come il resto del corpo, il polmone sta invecchiando ed è un concetto abbastanza recente

Possiamo apprezzare gli effetti di questo invecchiamento misurando il capitale del respiro grazie a un esame molto semplice, alla portata di tutti i medici di medicina generale e all'assunzione della pressione sanguigna.

Un test facile

Usiamo un piccolo dispositivo che, su una semplice scadenza violenta, ci consente di classificarci in 3 categorie: verde, quello del capitale intatto, arancione quello dell'avviso che può in qualsiasi momento diventare rosso per cui il ricorso al pneumologo è essenziale. Perché devi capire dov'è il problema. In circa venti minuti lo specialista del polmone può, grazie ad alcuni strumenti di misurazione, sapere se si tratta di una delle principali malattie respiratorie: la BPCO - sotto questo acronimo nasconde la bronchite che uccide - e il asma. Con queste 2 malattie siamo più di 4 milioni di pazienti nel nostro paese.

Uno di questi affetti può essere raggiunto senza saperlo perché la mancanza di respiro, che ognuno di noi conosce durante un'emozione o uno sforzo che dura, è un sintomo troppo tardi.

Da qui l'importanza di questo piccolo esame immediato e indolore perché non invecchiamo tutti allo stesso modo, soprattutto per quanto riguarda i polmoni.