Cervello: i marker potrebbero prevedere il rischio di disturbi psicotici

La risonanza magnetica mostra che le persone a rischio di psicosi, come ad esempio la schizofrenia, hanno disfunzioni in una specifica area del cervello.

Schizofrenia, disturbo delirante o disturbo schizo-affettivo: tutti sono disturbi psicotici. Rilevare precocemente queste malattie può gestirle meglio. I ricercatori della Missouri-Columbia University pubblicano i risultati del loro studio, che potrebbe migliorare lo screening. Trovano l'esistenza di marcatori per prevedere i disturbi psicotici.

Un livello anormale di dopamina

"L'obiettivo principale del nostro studio", afferma John Kerns, coautore, "è comprendere l'origine del rischio di psicosi al fine di evitare anni di sofferenza". Il team di scienziati fa parte di una scoperta: i disturbi psicotici sono associati a troppa produzione di dopamina nello striato, una struttura cerebrale. Questa molecola consente la comunicazione tra i neuroni ed è correlata a tutti i nostri comportamenti. Il ruolo dello striato è quello di preservare le impressioni su ciò che abbiamo vissuto.

Cattive interpretazioni

Per i ricercatori, il livello anormale della dopamina modifica la memoria conservata dopo alcune esperienze in persone psicotiche e provoca comportamenti disadattivi a causa della scarsa percezione di una situazione. "Il malfunzionamento è più evidente quando le persone devono svolgere attività in base a come si sentono, siano esse positive o negative", aggiunge il professore. Questi risultati sono stati ottenuti eseguendo risonanza magnetica nei pazienti con psicosi. I ricercatori ora vogliono andare oltre e studiare quali trattamenti invertirebbero la tendenza e trovare una risonanza magnetica "normale".

La schizofrenia è il disturbo psicotico più comune. Secondo Inserm, 600.000 persone in Francia sarebbero colpite e una su due tenterebbe il suicidio.

Video: - , , (Dicembre 2019).