Tabacco: smettere di fumare avrebbe un impatto negativo sul morale?

Negli Stati Uniti, gli ex fumatori sono sempre più esposti alla depressione e il loro uso di cannabis o alcol è aumentato notevolmente negli ultimi anni. Tutti i fattori che promuovono il rischio di una ricaduta.

Fumare fa male a tutti, lo sanno tutti. Ciò accelera l'invecchiamento della pelle e aumenta, tra l'altro, il rischio di sviluppare diabete, cancro ai polmoni, asma o perdita della vista. Al contrario, quando un fumatore si ferma, gli accadono molte cose positive: il suo gusto e il suo odore migliorano così come il suo respiro e il suo respiro. Tre mesi dopo lo svezzamento, la tosse e l'affaticamento diminuiscono e l'esercizio fisico è più facile. Ma se ha un impatto positivo sul metabolismo, gli ex fumatori avrebbero sempre più morale a mezz'asta. Secondo un sondaggio statunitense pubblicato nel American Journal of Preventive Medicine, negli Stati Uniti, tra il 2005 e il 2016, gli ex fumatori sono diventati più depressi mentre il loro uso di alcol e cannabis è aumentato. Tutti questi fattori aumentano il rischio di recidiva.

Per giungere a questa conclusione, lo scorso anno i ricercatori hanno studiato la prevalenza della depressione e del consumo di cannabis e alcol tra ex fumatori di età superiore ai 18 anni tra il 2005 e il 2016. dati provenienti dall'indagine nazionale sull'uso di droghe e la salute cui hanno partecipato oltre 67.000 persone.

Hanno notato che durante questo periodo, tra gli ex fumatori, l'incidenza della depressione è aumentata dal 4,88% al 6,04%, il consumo di cannabis dal 5,35% al ​​10,09%. % e abuso di alcolici dal 17,22% al 22,3%.

Sempre più persone smettono di fumare negli Stati Uniti

"La buona notizia è che il controllo del tabacco ha avuto successo nel ridurre il fumo: la percentuale di ex fumatori è in aumento negli Stati Uniti (50% nel 2016 contro il 44,4% nel 2002)" Renee D. Goodwin della Columbia University che ha condotto lo studio. "Tuttavia, come dimostra il nostro studio, la maggior parte di loro ora soffre di depressione e tende a consumare sostanze problematiche", lamenta.

E se l'aumento del consumo di cannabis potrebbe anche essere correlato al fatto che la marijuana sta diventando legale in molti stati e viene sempre più utilizzata dai consumatori di tabacco per smettere di fumare, tutti questi fattori aumentano i rischi. per tornare a fumare. Inoltre, "il nostro studio dovrebbe essere un campanello d'allarme per le autorità sanitarie e gli operatori sanitari. Questa scoperta rappresenta una minaccia imminente ai progressi compiuti per ridurre la prevalenza del fumo di sigaretta", avverte Goodwin. .

In effetti, è stato dimostrato più volte che la depressione e l'uso di alcol e droghe possono compromettere l'astinenza. "Pertanto, lo screening per questi problemi e il rinvio al trattamento dovrebbero essere una priorità assoluta: si tratta di passaggi importanti per garantire l'astinenza continua e sostenuta dalla popolazione degli Stati Uniti, una tendenza che presenta vantaggi significativi. importante per la salute e la società ", concludono i ricercatori.

Un milione di fumatori in meno in Francia

Tuttavia, è difficile concludere che smettere di fumare può portare alla depressione. Ricordiamo che altri studi hanno dimostrato che i fumatori avevano maggiori probabilità di sviluppare o aggravare problemi psicologici come ansia, depressione o nervosismo anche mentre stavano fumando.

Anche in Francia la gente smette di fumare sempre di più. Se ci sono ancora 15 milioni di consumatori di tabacco nel paese delle sigarette, secondo l'ultimo barometro di Public Health France, la prevalenza del fumo quotidiano è passata dal 29,4% nel 2016 al 26,9% nel 2017 nel Esagono, con una diminuzione di 2,5 punti. Che rappresenta concretamente un milione di fumatori al giorno in meno di un anno. Risultati dovuti a una serie di misure come il mese senza tabacco, il pacchetto neutro o i diversi aumenti di prezzo del pacchetto di sigarette.

Video: CarbLoaded: A Culture Dying to Eat International Subtitles (Ottobre 2019).