Le scottature solari durante l'infanzia non sono senza conseguenze

Per sensibilizzare l'opinione pubblica sui fattori di rischio per il cancro della pelle, la Lega contro il cancro ha appena lanciato una campagna in cui mette in guardia sui rischi solari e mina alcune idee sbagliate sull'esposizione estiva e le scottature solari.

Mentre la stagione estiva è in pieno svolgimento e i francesi sono arrivati ​​o si stanno dirigendo verso destinazioni soleggiate, la League Against Cancer vuole sensibilizzare sui rischi di un'esposizione prolungata e del sole non protetto e ricorda che la sovraesposizione durante l'infanzia è il principale fattore di rischio per il cancro della pelle. Sono state appena lanciate diverse azioni preventive con le popolazioni, nonché una campagna di manifesti e avvisi sui social network.

Limitare i tempi di esposizione ed evitare scottature a tutti i costi, specialmente nella prima infanzia perché promuovono l'insorgenza di # melanomi e # carcinomi basocellulari.
Maggiori informazioni su ???? //t.co/CfvGOYzXS3 pic.twitter.com/G4BHlKzUvC

- The League Against Cancer (@laliguecancer) 26 luglio 2019

Per porre fine alla sovraesposizione solare

I tumori della pelle sono i tumori più comuni con quasi 80.000 nuovi casi all'anno in Francia, inclusi circa 11.176 melanomi. Secondo la Cancer League, sono anche tra quelli che sono aumentati di più negli ultimi cinquant'anni. E l'incidenza del melanoma, la forma più grave di cancro della pelle, raddoppia ogni 10 anni nelle popolazioni dalla pelle bianca.

Tuttavia, questi tumori della pelle sono tumori prevenibili. Da qui la necessità di limitare i tempi di esposizione ed evitare scottature. Il 40% dei francesi pensa che le scottature solari ben curate durante l'infanzia siano irrilevanti per l'età adulta. Questo è falso: la Lega ricorda che le scottature solari prese prima dei 15 anni promuovono l'insorgenza di melanoma e carcinoma a cellule basali.

L'organizzazione anti-cancro sta anche combattendo contro le cabine UV: il 24% dei francesi crede erroneamente che fare UV prima di andare in vacanza possa proteggere la propria pelle e prepararla per il sole. Il 21% ritiene che le scottature solari preparino la pelle rendendola meno vulnerabile al sole.

Per conoscere le buone pratiche di esposizione al sole, la Cancer League ha pubblicato una piccola guida da mettere nelle mani di grandi e piccini. Ci ricorda di evitare il sole tra mezzogiorno e le 16, di limitare l'esposizione dei bambini piccoli, di non dimenticare di coprirsi o di applicare regolarmente la crema solare.

L'importanza dello screening

Oltre ai rischi associati all'esposizione al sole, la Lega insiste anche sulla necessità di sottoporre a ispezione periodica le sue talpe: un melanoma cutaneo può essere curato se diagnosticato in anticipo. D'altra parte, se la diagnosi è in ritardo, le possibilità di guarigione sono notevolmente ridotte perché si tratta di un tumore che si diffonde rapidamente.

Non lasciare che il cancro della pelle metta fine alla tua storia. Fatti esaminare. ??
???? //t.co/CfvGOYzXS3 pic.twitter.com/r4tErIdwBy

- The League Against Cancer (@laliguecancer) 19 luglio 2019

La campagna, il cui messaggio è "Non lasciare che il cancro della pelle metta fine alla tua storia, fatti testare" è ora disponibile sui social media.