Bevi, guarda o guida

La privazione del sonno ha effetti dannosi come l'alcol. Dormire meno di 5 ore e mettersi al volante moltiplica per 3 il rischio di incidenti. Peggio ancora, guidare tra le 2 e le 5 del mattino moltiplica per più di 5 i rischi.

In questi periodi di partenza o di ritorno dalle vacanze, si deve sottolineare che la sonnolenza è dopo la velocità e l'alcol su 3esimo fattore incidente.

Eppure il rapporto è lì: 1 autista su 2 si priva del sonno prima di un lungo viaggio. Pochissimi sanno che la privazione del sonno ha effetti dannosi quanto l'assorbimento dell'alcol: 17 ore di sonno, ovvero guidare fino a mezzanotte dopo una giornata di attività equivalgono a 0,5 grammi di alcol nel sangue. 24 ore prima di guidare è pericoloso quanto un grammo. Di conseguenza, la lotta alla violenza su strada, che è una priorità, richiede un'attenzione particolare ai disturbi della guida!

Un vero pericolo

Tutti gli studi concordano su un punto: la mancanza di sonno è un vero pericolo per la guida. Ci sono ancora troppi decessi sulle strade nonostante i notevoli miglioramenti già raggiunti combattendo la velocità e l'alcool. La sonnolenza è coinvolta nel 30% degli incidenti stradali e nel 20% su strada.

Pertanto, in un momento in cui vengono intraprese molte azioni per la sicurezza stradale, è quindi necessario valutare se stessi prima di iniziare e valutare il suo livello di vigilanza.

Per non parlare dei farmaci che ti fanno dormire ...

La Francia è il campione nel consumo di tranquillanti, droghe per la depressione e sonniferi e anche in questo caso il verdetto cala: il 10% dei feriti o uccisi sulle strade era sotto l'influenza di una tale droga: il rischio sarebbe triplicato o quintuplicato secondo le sostanze assorbite. È peggio che non dormire.

Il messaggio è chiaro: è necessario dormire prima di guidare e soprattutto non assumere sonniferi.

Video: Questo ragazzo, è l'esempio di sicurezza alla guida! (Gennaio 2020).