Gli spinaci potrebbero aumentare significativamente le prestazioni dell'atleta

Un nuovo studio tedesco evidenzia la natura dopante dell'ecdysterone, un componente naturale degli spinaci che aiuta a migliorare la massa muscolare e le prestazioni.

"Mangia ferro, sarai più forte". Tutti abbiamo in mente l'immagine di Popeye, questo personaggio immaginario maschile con muscoli che giura per gli spinaci. Ma può darsi che l'ecisterone, un componente presente negli spinaci, sia all'origine del gonfiore (e non del ferro).

Nei ratti, gli effetti dell'ecdysterone sulla massa muscolare e l'aumento delle prestazioni atletiche hanno dimostrato di essere ancora più efficaci di alcuni agenti anabolizzanti vietati dall'Agenzia mondiale antidoping (WADA), come il metandienone. Tuttavia, studi scientifici sull'uomo sono molto raramente accessibili.

Questo è il motivo per cui i ricercatori della Freie Universität Berlinin (Germania) hanno lavorato su gruppi di persone. "Il nostro progetto mirava a studiare gli effetti dei prodotti contenenti ecdysterone sull'esercizio umano", spiegano gli autori. Lo studio è stato condotto su un piccolo campione di 46 uomini e pubblicato lo scorso maggio sulla rivista Archives of Toxicology.

I volontari sono stati divisi in diversi gruppi: uno ha ricevuto ecdysterone come integratore alimentare, il secondo una dose di placebo. Tutti si allenavano da almeno un anno. Come parte dello studio, sono stati invitati ad eseguire allenamento con i pesi per 10 settimane, come allenamento con panca pesi, squat o stacchi. Sono stati anche raccolti campioni di sangue e urine per rilevare la presenza di ecdysterone e biomarcatori che potrebbero migliorare le prestazioni atletiche.

Una sostanza dopante

Gli uomini del gruppo che hanno assunto il supplemento hanno aumentato la loro massa muscolare di 1,5 e 2 chilogrammi a seconda del dosaggio (rispettivamente 200 mg e 800 mg) e delle loro prestazioni, soprattutto durante l'allenamento con i pesi sulla panca pesi. . Non è stato osservato alcun aumento dei biomarcatori per tossicità epatica o renale.

"I nostri risultati suggeriscono fortemente l'inclusione dell'ecdysterone nell'elenco delle sostanze e dei metodi vietati nella classe sportiva S1.2 e altri agenti anabolizzanti", concludono gli autori dello studio che non si aspettavano un Così importante aumento delle prestazioni.
Nonostante le dimensioni ridotte del campione e il fatto che sia stato condotto esclusivamente su uomini, lo studio è supportato dal WADA.