Ospedale: i telefoni cellulari causano molte infezioni

I telefoni cellulari di molti professionisti della salute sono portatori di Staphylococcus S.aureusin, un agente altamente resistente agli antibiotici e responsabile di molte infezioni, preoccupati ricercatori brasiliani.

I telefoni cellulari sono noti per essere veri e propri nidi di virus, il che è particolarmente un problema nell'ambiente ospedaliero. Un nuovo studio brasiliano, presentato all'incontro annuale dell'American Microbiology Society, dal 20 al 24 giugno in California, negli Stati Uniti, evidenzia le precauzioni che devono essere prese in questo settore. Secondo i ricercatori, il 40% dei cellulari degli studenti nel settore sanitario avrebbe portato S.aureusin, un agente patogeno molto resistente agli antibiotici e considerato responsabile di molte infezioni.

I ricercatori dell'Università del Western Sao Paulo hanno raccolto campioni da 100 telefoni di studenti in biomedicina, farmacia, alimentazione o assistenza infermieristica. Dei batteri isolati trovati, l'85% era resistente alla penicillina e il 50% poteva aderire alle superfici.

Non sorprende che la stragrande maggioranza dei batteri isolati provenga da telefoni di proprietà di studenti in allattamento. In effetti, questi sono più probabili di altri da portare S.aureusin a causa dei loro numerosi stage pratici nell'ambiente ospedaliero.

Ad esempio, i telefoni utilizzati in questo settore causano la trasmissione di batteri virulenti e contribuiscono così all'aumento delle infezioni e dei decessi dovuti a loro, preoccupati i ricercatori. Tuttavia, riconoscono l'importanza del successore portatile ed efficace del segnale acustico, per consentire ai medici di comunicare tra loro sui pazienti e di essere contattati rapidamente in caso di emergenza.

I telefoni cellulari potrebbero svolgere un ruolo nella trasmissione di infezioni nosocomiali

"L'uso diffuso di telefoni cellulari negli ospedali e negli istituti sanitari ha sollevato notevoli preoccupazioni sulle infezioni nosocomiali (infezioni associate alle cure), il che significa che erano assenti dall'ammissione del paziente. nella struttura sanitaria, EdL), in particolare nelle aree che richiedono i più elevati standard di igiene, come le sale operatorie ", afferma Lizzinae Kretli, professore all'Università dell'Ovest. "In questo contesto, i telefoni cellulari potrebbero fungere da serbatoio di batteri noti per causare infezioni nosocomiali e potrebbero svolgere un ruolo nella loro trasmissione ai pazienti attraverso le mani di professionisti della salute", conclude.

Alcuni anni fa, alcuni ricercatori francesi avevano già studiato i telefoni usati da un centinaio di professionisti della salute. Hanno scoperto che il 38,5% dei dispositivi mobili era contaminato da virus che potevano causare malattie umane come influenza, epatite C, poliomielite o morbillo. Inoltre, il 39% dei telefoni era contaminato da rotavirus, che causa una grave gastroenterite nei bambini piccoli. Lo studio ha anche evidenziato la mancanza di rispetto per le norme igieniche di alcuni professionisti della salute.

"La maggior parte degli operatori sanitari utilizza i propri telefoni cellulari in ospedale, ma è sorprendente vedere che il 20% di loro ammette di non rispettare le norme igieniche prima o dopo aver usato il proprio telefono ", hanno scritto i ricercatori, affermando che i laptop sono stati disinfettati e puliti più spesso nei servizi per adulti che nei servizi pediatrici. "È importante ricordare l'importanza di lavarsi le mani molto spesso: quando riagganciamo e prima di curare i pazienti", ha avvertito lo studio.

Video: INFEZIONE OSPEDALIERA: MUORE A 32 ANNI DOPO 8 GIORNI DI AGONIA (Dicembre 2019).