71% di sostanze chimiche europee potenzialmente dannose per la salute

L'Agenzia europea per le sostanze chimiche (Echa) avverte della potenziale tossicità del 71% delle sostanze chimiche prodotte in Europa.

L'ultimo rapporto dell'Agenzia europea per le sostanze chimiche (Echa) redige un rapporto allarmante sulla potenziale tossicità di alcuni prodotti della nostra vita quotidiana. secondo ecoIl 71% delle sostanze chimiche fabbricate in Europa e presenti in "molti prodotti industriali, ma anche nel settore dei cosmetici, degli alimenti, delle bevande e dei medicinali", ha consultato il documento. test o informazioni sul loro potenziale pericolo ".

Mancanza di rigore da parte degli Stati membri

Se nessuno può dire con certezza se queste sostanze sono dannose per la salute umana, animale e / o ambientale, Bjorn Hansen, il capo di Echa,si dice "molto preoccupato". Nel 2007, tuttavia, l'Europa aveva imposto standard di sicurezza attraverso il regolamento REACH (Registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione delle sostanze chimiche) per controllare l'uso di queste sostanze chimiche.

Ma come sottolinea il quotidiano, nel 2014 le autorità tedesche hanno scoperto che 940 prodotti non erano conformi a questi standard di sicurezza europei. Successivamente, 654 aziende produttrici di 41 sostanze chimiche (utilizzate in vernici, pneumatici, prodotti per la casa, giardino e cucina) non erano così secondo l'EEB (European Environmental Bureau). "Le carenze rilevate nella registrazione di due prodotti su tre" illustrano il lassismo degli Stati membri che, a quanto pare, non sono stati sufficientemente rigorosi per applicarlo correttamente.

L'impatto sulla salute delle sostanze chimiche nella vita di tutti i giorni

Lo scorso marzo, sono state trovate sostanze chimiche nel trucco e nel travestimento dei bambini durante un'indagine condotta da agenti delle forze dell'ordine, tra cui alluminio e isoforone al di sopra delle soglie autorizzate. A luglio 2018, ANSES aveva avvertito della presenza di una dozzina di sostanze nei nostri vestiti e nelle nostre scarpe che possono portare a problemi di salute come la dermatite da contatto (eczema). Inoltre, le sostanze chimiche si trovano ovunque nel nostro ambiente quotidiano a causa di queste carenze. Tanto che anche la polvere dei nostri luoghi di vita ne contiene.

Diversi studi hanno già dimostrato che queste sostanze chimiche contribuiscono all'inquinamento indoor, così come all'accumulo di trigliceridi - un tipo di grasso presente nel sangue - e ad un aumento dell'obesità nei modelli animali. A marzo, i ricercatori statunitensi hanno scoperto che i distruttori endocrini nel sistema domestico potrebbero contribuire all'aumento di peso e all'adiposità, specialmente nei bambini. Allo stesso modo, l'esposizione prenatale e postnatale a diversi inquinanti chimici è associata a una ridotta funzione respiratoria nei bambini e sono esposte 9 donne su 10.

Video: Conferimento dellOrdine del Cherubino - Università di Pisa (Ottobre 2019).