Gonorrea: una combinazione di antibiotici per eliminare i ceppi resistenti

Mentre i casi di gonorrea genitale "ultra resistente" stanno proliferando in tutto il mondo, i ricercatori hanno scoperto che una combinazione di due antibiotici potrebbe essere un'alternativa efficace per i pazienti che non rispondono all'attuale trattamento.

Un team di ricerca presso gli ospedali dell'Università di Birmingham in Inghilterra potrebbe aver trovato una soluzione per combattere i ceppi resistenti di gonorrea, un'infezione a trasmissione sessuale di cui il ceftriaxone, attualmente il principale antibiotico sempre meno efficace.

In un articolo pubblicato in The Lancet, i ricercatori affermano di aver scoperto che la combinazione di due antibiotici, la gentamicina e l'azitromicina, era particolarmente efficace nei pazienti che non rispondono più al ceftriaxone, attualmente in trattamento di prima linea.

Un'infezione sempre più resistente al trattamento

Conosciuta anche come gonorrea, o gonorrea, è un'infezione a trasmissione sessuale (STI) correlata a un'infezione batterica. Gonorrea di Neisseria o "gonococco". Risolvendo solo per contatto diretto, questa infezione può, se non trattata, causare cicatrici dell'uretra o "uretrite". Può anche interessare la cervice, l'utero, le tube di Falloppio, il bacino e l'occhio.

Mentre nella maggior parte dei casi gli antibiotici sono ancora efficaci contro la gonorrea, gli scienziati sono preoccupati per la moltiplicazione dei ceppi resistenti al ceftriaxone. Casi di gonorrea resistente sono stati segnalati nel sud-est asiatico e diffusi in Europa, principalmente a causa del turismo sessuale.

Per il professor Jonathan Ross, capo investigatore del processo di Birmingham, era quindi urgente trovare un trattamento antibiotico a cui il batterio responsabile della gonorrea non avesse ancora sviluppato resistenza. "Il nostro studio ha scoperto che la gentamicina combinata con l'azitromicina funziona quasi allo stesso modo del ceftriaxone e dell'azitromicina per la gonorrea genitale." Tuttavia, dice, questa combinazione di antibiotici si è dimostrata meno efficace contro le infezioni della gola e del retto.

Un tasso di guarigione del 91%

Effettuato in 14 cliniche di salute sessuale in Inghilterra, lo studio clinico è stato condotto su 720 partecipanti assegnati casualmente per ricevere iniezioni di gentamicina o l'attuale trattamento endovenoso di ceftriaxone. Entrambi i gruppi hanno anche ricevuto una singola dose orale di azitromicina.

Complessivamente, il 98% dei partecipanti che hanno ricevuto ceftriaxone ha avuto la gonorrea curata rispetto al 91% di coloro che hanno ricevuto gentamicina, una differenza del 7%.

Inoltre, è probabile che i medici continuino a utilizzare ceftriaxone (più azitromicina) come prima linea. Tuttavia, con un tasso di guarigione del 94% per la gonorrea genitale, la gentamicina può essere utile quando il trattamento con ceftriaxone non è disponibile o efficace.

"È molto inquietante che in tutto il mondo compaiano casi di gonorrea resistente al trattamento." Questa ricerca fornisce importanti nuovi dati che suggeriscono che la gentamicina con azitromicina potrebbe diventare un trattamento di seconda linea per i pazienti che sono resistenti al trattamento. ceftriaxone con questa malattia infettiva ", afferma il professor Hywel Williams, direttore del programma di valutazione della tecnologia sanitaria della NHRI, che ha finanziato lo studio.

Un punto di vista condiviso dal professor Jonathan Ross. "Riteniamo che il ceftriaxone debba rimanere il trattamento di prima linea per la gonorrea, con la gentamicina un'alternativa, in particolare per i pazienti con infezioni genitali e coloro che sono allergici o intolleranti al ceftriaxone." Ma, dice, "sono necessarie ulteriori ricerche per identificare e testare nuove alternative al ceftriaxone per il trattamento della gonorrea".

Video: Gonorrea (Settembre 2019).