Nascita di Meghan Markle, batteri allo zoo e allungamento del pene

Meghan Markle ha in programma di partorire in acqua secondo la stampa inglese, gli animali dello zoo possono trasmetterci batteri resistenti a più farmaci e introdurre olio nel pene per allargare diventa di moda in Papua Nuova Guinea . Ecco le principali novità della giornata.

Meghan Markle prenderebbe in considerazione il parto in acqua: cosa sappiamo di questa pratica?

Con Meghan Markle, è una boccata d'aria fresca che soffia sulla famiglia britannica. Mentre il canale, la stampa è il cavolo imbottito della sua consegna imminente e ha contestato l'invidia del sesso e il nome del futuro bambino reale, qui sono appena cadute nuove indiscrezioni su come la duchessa di Sussex vuole dare alla luce suo figlio. Secondo le informazioni raccolte dal Posta giornalieraMeghan Markle prenderebbe in considerazione la nascita in acqua. Un metodo fisiologico e meno medicalizzato che seduce sempre più future mamme che seguono le tecniche naturali. Sempre più praticata nelle maternità con una stanza di lavoro "naturale" o nei centri di parto, il parto in acqua è l'ideale per future mamme sane la cui consegna sta per iniziare. senza complicazioni ... Per saperne di più, clicca qui.

Gli animali dello zoo possono trasmettere ai visitatori batteri resistenti ai farmaci

Gli zoo sono veri e propri serbatoi di batteri, in particolare quelli resistenti ai farmaci, che mettono in allerta i nuovi lavori scientifici presentati al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive che si svolge ad Amsterdam dal 13 al 16 aprile. Guidato dal professor Shiri Navon-Venezia dell'Università Ariel (Israele), lo studio è stato condotto su 228 animali di 42 specie diverse in otto zoo israeliani selezionati casualmente. Gli scienziati hanno raccolto 382 campioni di pelle, pelliccia, piume e feci. Il sequenziamento genetico è stato utilizzato per identificare le specie di batteri in ciascun campione e per rilevare la presenza di geni che promuovono la multi-resistenza agli antibiotici batterici (MDR). Vi diciamo di più nel nostro articolo.

Introduci olio nel pene per allargarlo: una tendenza pericolosa che preoccupa i medici

Dopo lo sbiancamento del pene in Asia, una tendenza altrettanto inquietante sta guadagnando terreno. Questa volta, è in Papua Nuova Guinea che le autorità sanitarie danno l'allarme. Diversi inquietanti casi di deformità del pene sono stati segnalati a Port Moresby, capitale della Papua Nuova Guinea. I medici hanno ricevuto pazienti che avevano iniettato olio di cocco, olio di semi di girasole o silicone direttamente nel loro pene per ingrandirlo. Akule Danop, chirurga del Port Moresby General Hospital, ha affermato che negli ultimi due anni la sua clinica aveva curato almeno 500 uomini con deformità del pene e disfunzione a seguito di iniezioni. Per saperne di più, clicca qui.

Video: Meghan Markle a rischio. Doveva rimanere top secret, ora lo sanno tutti. ULTIMI ARTICOLI (Novembre 2019).