Legge sulla salute: l'assemblea aumenta le opportunità di prescrizione per farmacisti e ostetriche

Al fine di facilitare l'accesso a determinati vaccini, l'Assemblea nazionale ha approvato un emendamento che consente ai farmacisti e alle ostetriche di prescriverli. Alcuni farmaci possono anche essere dispensati senza prescrizione medica.

I membri dell'Assemblea nazionale consentono ai farmacisti di somministrare determinati vaccini. Hanno approvato un emendamento in tal senso, come parte del conto sanitario. L'obiettivo è aumentare la copertura di immunizzazione in Francia, in un momento in cui l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) classifica gli anti-vaccini come una delle maggiori minacce per la salute quest'anno.

Lo scorso autunno, quattro regioni hanno sperimentato la vaccinazione antinfluenzale da parte dei farmacisti. L'operazione ebbe un tale successo che alcune farmacie furono presto esaurite. Secondo il relatore sul disegno di legge, Thomas Meunier (La Repubblica in movimento), la legge europea ora ritiene che il vaccino antinfluenzale sia un requisito obbligatorio.

Altre competenze per le ostetriche

Un altro emendamento è stato approvato, questa volta ampliando le capacità delle ostetriche. Possono prescrivere e praticare le vaccinazioni con i bambini. Le condizioni sono definite dal decreto. "Nella logica della semplificazione del viaggio di vaccinazione, ho chiesto alla HAS (Alta autorità della salute, ndr) un parere sull'ampliamento delle capacità vaccinali degli operatori sanitari, comprese le ostetriche. presentato nel 2019, ma questo emendamento apre la strada, anche se spetterà alla HAS decidere e un ordine per riparare i vaccini autorizzati ", afferma il Ministro della Salute, Agnès Buzyn.

I farmacisti autorizzati a "risolvere i problemi" per determinati medicinali

Inoltre, alcuni farmaci, generalmente prescritti, possono essere distribuiti dai farmacisti. Questi trattamenti riguardano patologie benigne, come la cistite o una certa angina. L'obiettivo è consentire ai farmacisti di "risolvere" i pazienti in caso di emergenza minore, soprattutto quando il loro medico non è disponibile. Anche in questo caso, l'Alta Sanità (HAS) dovrà istituire un protocollo. I farmacisti riceveranno formazione.

"Qui non si tratta di dare una prescrizione ai farmacisti", avverte Thomas Meunier, all'origine di questa proposta. "Ciò che vogliamo è dare accesso a cure supplementari per i francesi con la stessa qualità, la stessa sicurezza per patologie quotidiane come angina o cistite, questa semplice infezione urinaria che può essere trattata con una dose di "antibiotico", dice.