Herpes: I viaggi nello spazio "riattivano" i virus dormienti negli astronauti

Un nuovo studio della NASA ha dimostrato che lo stress causato dai voli spaziali consente di riattivare i virus degli astronauti dormienti. Più tempo trascorrono nello spazio, più probabile ricompaiono herpes, varicella o fuoco di Sant'Antonio ...

I voli nello spazio riattivano vecchi virus del tipo herpes, come dimostrato uno studio pubblicato sulla rivista Frontiers in Microbiology 18 marzo. Durante la ricerca, gli scienziati hanno raccolto campioni di sangue, urina e saliva dagli astronauti che viaggiano nello spazio. Ciò è stato fatto prima, durante e dopo i voli a corto raggio della navetta spaziale, ma anche durante le missioni a lungo termine sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Il virus dell'herpes è stato riattivato in oltre la metà degli astronauti.

Cellule immunitarie degli astronauti

"Ad oggi, il virus dell'herpes è stato trovato in campioni di 47 astronauti su 89 (53%) in missioni brevi e in 14 su 23 (61%) astronauti in missione sulla ISS", ha detto. l'autore principale dello studio, Satish K. Mehta al Johnson Space Center. Questi risultati sono significativamente più alti rispetto ai campioni prelevati prima o dopo il volo.

Gli scienziati ritengono che ciò sia dovuto alle cellule immunitarie degli astronauti, in particolare quelle che normalmente sopprimono i virus, che diventano meno efficaci durante il volo. È importante distinguere tra carica virale e sintomi: sono stati notati solo 6 casi di astronauti con sintomi di herpes.

Un ambiente più stressante coinvolto

Secondo gli scienziati, l'ambiente stressante del volo spaziale sarebbe responsabile del ritorno di questi virus. In effetti, gli astronauti della missione devono adattarsi a uno stile di vita completamente diverso, senza gravità, ed esposti ai raggi cosmici e forze G molto potenti. Possono essere coinvolti altri fattori di stress, come il confinamento, l'interruzione dei modelli di sonno e l'isolamento sociale.

Ecco perché "l'entità, la frequenza e la durata dell'escrezione virale aumentano con la durata del volo spaziale", aggiungono gli scienziati. La presenza di questi virus potrebbe essere un problema in futuro: potrebbe rischiare di mettere in pericolo la vita degli astronauti durante le lunghissime missioni su Marte, ad esempio. "È essenziale sviluppare contromisure per i voli spaziali per prevenire la riattivazione virale", concludono gli scienziati.

Video: Herpes Labiale (Settembre 2019).