Pinterest blocca la ricerca sui vaccini per contrastare le notizie false

Al fine di interrompere la diffusione di contenuti anti-vaccinazione sulla sua rete, Pinterest ha deciso di bloccarli. Ma così facendo, la società ha anche vietato posti seri sull'argomento.

Mentre l'Europa è attualmente afflitta da un'epidemia di morbillo, il movimento anti-vaccino sta guadagnando slancio in Occidente. Tanto che l'OMS ha denunciato questa tendenza come una delle dieci minacce più pericolose per la salute dell'anno. E, naturalmente, è soprattutto su Internet che si diffonde questa propaganda fatta di voci più folli delle altre. Ecco perché la rete di condivisione delle immagini di Pinterest ha deciso di bloccare il contenuto indicando che i vaccini erano pericolosi. Problema: invece di filtrare correttamente, il sito ha bloccato tutti i post che evocavano la vaccinazione, vicini o lontani.

Ottimizza un'immagine responsabile con il grande pubblico

Perché prendere una tale decisione ora? La rete, che conta oltre 250 milioni di utenti attivi al mese, si prepara a diventare pubblica ad aprile. Inoltre, ora si tratta di modificare un'immagine responsabile con il grande pubblico per sedurre potenziali azionisti. "Per ora, bloccare i risultati dei vaccini è una soluzione temporanea per impedire alle persone di trovare informazioni infondate", afferma il portavoce della società Jamie Favazza, spiegando che Pinterest sta attualmente lavorando con esperti per sviluppare un approccio a più lungo termine.

Se questo tipo di contenuti si diffonde anche ad altre reti, Pinterest è l'unica al momento ad aver scelto una soluzione così radicale. La scorsa settimana, il deputato democratico Adam B. Schiff ha scritto una lettera a Mark Zuckerbeg esortandolo ad agire per garantire che le informazioni anti-vaccino che circolano sul suo social network non siano più consigliate agli utenti di Facebook. Di conseguenza, la società ha annunciato che voleva eliminare questi contenuti nei risultati di ricerca. Evidenzierebbe anche le informazioni verificate.

YouTube vieta la visualizzazione di annunci con contenuti anti-vaccino

Nella stessa logica, Adam B.Schiff ha anche scritto a Sundar Pichai, il direttore esecutivo di Google che possiede Youtube. Il sito di condivisione di video ha quindi annunciato che aveva iniziato a filtrare alla fine del 2017 per contenuti più seri per le persone che stavano cercando video sui vaccini e che l'algoritmo di ricerca stava migliorando nel tempo.

"Abbiamo una rigorosa politica che guida quali video consentiamo di visualizzare annunci pubblicitari e video che mostrano contenuti anti-vaccino non ne fanno parte", ha detto un portavoce di YouTube venerdì 21 febbraio. "Stiamo rafforzando con forza questa politica e se scopriamo un video che lo aggira, rimuoviamo immediatamente la pubblicità".

Nonostante l'evidenza scientifica che i vaccini siano efficaci e sicuri, molte persone continuano a rifiutarli, sia per ragioni di costo, morali o religiose sia perché pensano che potrebbero renderli autistici. Per cui il morbillo è stato in grado di riapparire in Europa e uccidere 72 persone dal 2017, compresi i bambini.

Video: Il mio gatto ha avuto la parvo! Ecco come è andata (Novembre 2019).