Pollini: attenzione, il bel tempo sveglia allergie

Con questo clima più che mite ovunque in Francia, le concentrazioni di polline di cipresso stanno esplodendo in tutto il Mediterraneo.

L'incredibile dolcezza e il sole che splende in tutta la Francia hanno risvegliato il polline e, con loro, i rischi allergici. "Le concentrazioni di polline di cipresso stanno esplodendo in tutto il Mediterraneo con un rischio di allergia che rimarrà al suo livello massimo da 5 a 5. I pollini di cipresso stanno guadagnando terreno anche nel resto del paese a nord, est e sud. ma in quantità minori rispetto al sud ", afferma la rete nazionale di sorveglianza aerobiologica.

Anche le concentrazioni di polline di nocciolo e ontano sono in aumento, così come il polline di cenere e pioppo. Il rischio di allergia varia tra il livello medio per la maggior parte del tempo e localmente l'alto livello per alcuni dipartimenti del sud-ovest e del centro-est.

Febbre da fieno, attacchi d'asma e altre difficoltà respiratorie

L'inquinamento atmosferico, elevato anche nelle principali città da giovedì 21 febbraio, non aiuta le cose. "Attenzione all'inquinamento atmosferico che può esacerbare i sintomi dell'allergia al polline indebolendo in particolare le vie aeree durante gli episodi di inquinamento. Chi soffre di allergie deve seguire il proprio trattamento o consultare il proprio medico in caso di sintomi", aggiungono gli specialisti.
Rinite allergica (febbre da fieno), attacchi di asma e altre difficoltà respiratorie: tra il 20 e il 40% dei francesi soffre di allergie ai pollini. "Per coloro che non lo sperimentano, un'allergia sembra innocua, è rara, può portare a febbre a 38 ° C, si possono nascondere sibili, affaticamento e asma sottostante. sotto una rinite e si dichiara a qualsiasi età ", osserva il dott. Jean-François Fontaine, allergologo a Reims (Marne), presidente dell'Associazione per la formazione continua in allergia (Anaforcal).

Video: Quando sei allergico al polline (Novembre 2019).