Morbillo: i flussi migratori tra province e città favorirebbero le epidemie

I risultati di uno studio sulla trasmissione del morbillo in Cina potrebbero aiutarci a controllare l'epidemia su scala globale.

Elimina il morbillo nel mondo. Questa è la speranza di uno studio sulla trasmissione della malattia in Cina, secondo i suoi stessi autori, ricercatori della Columbia University Mailman School of Public Health (USA). I risultati del loro lavoro sono pubblicati sulla rivista PLOS. Il morbillo rimane la principale causa di morte tra i bambini di tutto il mondo. La sua eliminazione è particolarmente difficile in Cina, dove la malattia è endemica.

Focolai di morbillo ogni anno

"Mentre dal 2008, la Cina ha annunciato una copertura vaccinale superiore al 95% stabilita dall'Organizzazione mondiale della sanità per l'eliminazione del morbillo, la malattia continua a causare ogni anno grandi epidemie per motivi che rimangono indeterminati ", afferma Wan Yang, autore principale dello studio. I ricercatori dello studio hanno analizzato i dati epidemiologici e demografici di tre siti chiave in Cina: Pechino, Guangzhou e la provincia di Shandong, tra il 1951 e il 2004. Per questo, hanno creato il proprio sistema di studio, che tiene conto in particolare la demografia complessa e mutevole della popolazione, l'età e la vaccinazione di massa.

Città attraenti, nidi per la malattia

Secondo Yang, le grandi città cinesi che attraggono i migranti sono in parte responsabili della trasmissione endemica del morbillo. Nel 2010, il 36% della popolazione di Pechino era composta da migranti provenienti dalle province, tra cui l'8,5% da Shandong, una regione a moderato sviluppo economico. "A causa di uno sviluppo economico irregolare, oltre cento milioni di lavoratori in Cina stanno attualmente migrando verso le grandi città.

Questa differenza essenziale indica una possibile trasmissione persistente del morbillo nelle grandi città, a causa dell'enorme popolazione di lavoratori migranti in Cina ", spiega l'autore principale dello studio, in modo che i migranti sarebbero ancora una popolazione Wan Yang ritiene che la vaccinazione di recupero di queste popolazioni sarebbe un buon modo per controllare l'epidemia nelle grandi città. Inoltre, i ricercatori hanno scoperto differenze relative al clima tra i tre siti. all'interno quando il clima è freddo può promuovere il rischio di infezione.