Trattamento post-ictus: un abbassamento intensivo della pressione sanguigna è efficace

L'abbassamento della pressione sanguigna dopo un ictus che è stato trombolizzato (disintegrato) riduce il rischio di sanguinamento intracranico. Questo trattamento è stato finora discusso.

Un nuovo studio indica un migliore trattamento della forma più comune di ictus nel mondo. Secondo questi dati non pubblicati, i pazienti con ictus che hanno manifestato un abbassamento intensivo della pressione sanguigna avevano significativamente meno probabilità di soffrire di sanguinamento dal cervello, un effetto collaterale associato a persone trattate con trombolisi * che rompono il coagulo di sangue.

Rendere il trattamento della trombolisi più sicuro

Il professor Craig Anderson, direttore esecutivo del George Institute e dello studio, ha dichiarato: "Si è discusso molto sul fatto che alcuni benefici siano compensati dai potenziali danni di un pressione sanguigna precoce dopo l'inizio dell'ictus acuto ". Aggiunge: "Questo studio mostra chiaramente che un controllo più intenso della pressione sanguigna di quanto attualmente raccomandato può rendere più sicuro il trattamento della trombolisi, riducendo il rischio di gravi emorragie nel cervello".
Lo studio ha coinvolto oltre 2.000 pazienti, reclutati da 110 ospedali in 15 paesi diversi tra il 2013 e il 2018. "Questi risultati sottolineano anche la necessità di ulteriori ricerche per comprendere meglio i meccanismi di beneficio sottostanti. e gli svantaggi dell'abbassamento precoce e intensivo della pressione arteriosa nei pazienti in terapia con trombolisi, poiché la riduzione dell'emorragia cerebrale non ha comportato un miglioramento del recupero generale dei pazienti. " ha aggiunto il professor Tom Robinson, coautore e direttore del Centro di ricerca cardiovascolare dell'Università di Leicester.

Improvvisa perdita di funzionalità di una parte del cervello

Un ictus, chiamato anche "ictus", è un'improvvisa perdita di funzionalità di una parte del cervello, causata da un improvviso arresto del flusso sanguigno all'interno di un'arteria. La gravità dell'ictus dipenderà dalla posizione e dall'estensionearee cerebrali colpite. In effetti, ogni area del cervello è specializzata(abilità motorie, linguaggio, visione ...). Un incidente localizzato rimuoverà quindi una funzione in parte o nel suo insieme, il che spiega perché una persona può mantenere le conseguenze fisiche di un ictus (paralisi di una parte del corpo o del viso, diminuzione o scomparsa della visione, problemi discorso ...).

Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), quasi 5 milioni di persone in tutto il mondo muoiono ogni anno di ictus e 15 milioni soffrono di ictus non fatale. In Francia, si stima che ogni anno ne colpiscano tra 120.000 e 130.000. Ma grazie a dispositivi più efficaci, la mortalità correlata all'ictus è diminuita del 15% negli ultimi anni in Francia.

* La trombolisi endovenosa comporta l'iniezione di una sostanza in grado di dissolvere il coagulo che blocca l'arteria del cervello e provoca infarto cerebrale (ictus ischemico).