Colite ulcerosa: il trapianto fecale sarebbe efficace

Il trapianto fecale può essere efficace nel trattamento della colite ulcerosa, i cui attuali trattamenti hanno effetti collaterali significativi.

Un nuovo studio ha dimostrato che il trapianto di microbiota fecale può trattare con successo i pazienti con colite ulcerosa. Lo studio randomizzato in doppio cieco è stato pubblicato nel JAMA. Hanno partecipato 73 adulti con colite ulcerosa da lieve a moderata.
Alcuni hanno ricevuto un trapianto di microbiota fecale, altri le proprie feci (placebo) tramite colonscopia, seguite da due clisteri. Di conseguenza, il trapianto somministrato anaerobicamente (in un mezzo privo di ossigeno) a un donatore potrebbe indurre la remissione nella colite ulcerosa, con un tasso di remissione del 32%, rispetto al 9% nel placebo.

Senza ossigeno

"La differenza più importante in questo studio rispetto agli studi precedenti è l'uso di feci anaerobiche (prive di ossigeno)", afferma il dott. Sam Costello, direttore dello studio e gastroenterologo. "Molti batteri intestinali muoiono con l'esposizione all'ossigeno e sappiamo che con il trattamento delle feci anaerobiche sopravvive un gran numero di batteri donatori che possono essere somministrati al paziente. per essere il motivo per cui abbiamo avuto un buon effetto terapeutico con solo un piccolo numero di trattamenti ", spiega lo specialista. È già stato concluso un accordo con la società britannica Microbiotica per commercializzare lo sviluppo di una terapia microbica risultante da questo studio.
Di origine sconosciuta, la colite ulcerosa è una malattia infiammatoria intestinale che consiste in una fine ulcerazione del rivestimento interno dell'intestino crasso. L'infiammazione inizia nel colon inferiore appena sopra l'ano e progredisce verso l'alto a varie distanze. La colite ulcerosa può essere diagnosticata a qualsiasi età, con un'alta frequenza osservata nei bambini piccoli e nelle persone dai 40 ai 50 anni *.

Sintomi

Il sanguinamento rettale si verifica nella maggior parte dei pazienti ed è evidente nelle feci. Il secondo sintomo più comune è la diarrea, accompagnata da dolorosi crampi addominali. L'intensità dei sintomi varia da lieve a grave. Ciò può causare carenza di globuli rossi (anemia) se la diarrea e la perdita di sangue sono gravi. La costipazione può anche svilupparsi mentre il corpo lotta per mantenere la normale funzione intestinale.
La colite ulcerosa può anche portare in alcuni pazienti a manifestazioni extra-intestinali, come febbre, infiammazione oculare o articolazioni, ulcere orali o noduli sensibili e infiammati degli stinchi.

* Fonte: società gastrointestinale canadese.

Video: Come reagisce l'intestino - Parte 2 (Novembre 2019).