Cancro e chemioterapia: una spugna 3D per assorbire il surplus di farmaci

I ricercatori sono riusciti a sviluppare una spugna 3D in grado di assorbire il surplus di farmaci rilasciati nel corpo dalla chemioterapia in caso di cancro.

Ciò potrebbe rivoluzionare il trattamento del cancro. Attualmente, i pazienti sono spesso trattati con chemioterapia e, per quanto efficace, questa tecnica genera molti effetti collaterali indesiderati. Perché il trattamento funziona su tutto il corpo e non solo sulla parte interessata dal tumore. Per ovviare a questo, gli scienziati hanno sviluppato una spugna stampata in 3D in grado di assorbire l'eccesso di farmaci rilasciati dalla chemio, rivela uno studio americano pubblicato sul giornale ACS Central Science Mercoledì 9 gennaio.

Per ora, gli scienziati del California Institute hanno testato il loro dispositivo solo su suini e si sono concentrati sul fegato. "Stiamo sviluppando il dispositivo per il cancro al fegato perché è una grave minaccia per la salute pubblica, ci sono decine di migliaia di nuovi casi ogni anno e stiamo già trattando questa malattia usando la chemioterapia endovenosa. -Arteriale (il farmaco viene somministrato nell'arteria o nelle arterie che forniscono il tumore tramite un catetere, Ed) ", afferma Steven Hetts, un radiologo dell'Università della California a San Francisco.

I ricercatori hanno quindi iniettato un farmaco chiamato doxorubicina nel sangue dei suini a monte del fegato e hanno inserito il loro dispositivo in una vena a valle per alcune ore, il tempo della chemio. Successivamente, gli scienziati hanno notato che il 64% in eccesso di doxorubicina aveva lasciato il sangue.

Nuovi test da eseguire su un corpo più elaborato

Se i risultati sono molto promettenti, il dispositivo è ancora lungi dall'essere accessibile ai pazienti. "Questo lavoro è un nuovo entusiasmante approccio per ridurre gli effetti collaterali della chemioterapia (...) Dobbiamo ancora costruire un corpo più elaborato per assicurarci che la nostra tecnica sia sicura prima di vedere se potrebbe essere efficace sui pazienti", afferma Steve Rannard, Cancer Research UK, a BBC News. Tuttavia, se i prossimi test si rivelano conclusivi, la FDA (Federal Drug Administration) dovrebbe concordare rapidamente per la commercializzazione a causa della natura della spugna, si entusiasma.

In Francia, nel 2011, ci sono stati circa 8.200 casi di cancro al fegato. Questa malattia colpisce gli uomini all'80% e si verifica più spesso nel corso di una malattia cronica come la cirrosi o l'epatite B. La scelta dei trattamenti è caso per caso. Esistono quattro tipi: ablazione parziale, trapianto di fegato, distruzione del tumore percutaneo e chemioterapia.

Gli effetti collaterali di quest'ultimo variano a seconda dei trattamenti. Tra i più comuni possiamo osservare: perdita di capelli o alopecia, nausea e vomito, diarrea, calo dei globuli bianchi e rossi e piastrine, lesioni orali, problemi cardiaci e ciclo mestruale, dolori muscolari e articolari, reazioni allergiche o affaticamento.

Video: Le bufale? sono i 'nonni' a condividerle di più Fake Vs Good 1601 (Febbraio 2020).