Salumi: gli scienziati britannici chiedono il divieto dei nitrati cancerogeni

Scienziati britannici chiedono al governo di vietare l'uso di nitrati nelle carni lavorate. Ma i produttori contestano i pericoli di questi additivi.

Gli scienziati hanno scelto la Giornata internazionale del bacon per chiedere il divieto dell'uso di nitriti nella produzione di carni lavorate. Questi componenti sono considerati cancerogeni dalla comunità scientifica, ma l'industria rifiuta di riconoscerlo.

Il rischio di cancro è ben definito, secondo una dichiarazione di scienziati, politici e medici, tra cui @QUBFoodProf, @tom_watson e @DrAseemMalhotra. //t.co/qBTLUc0GKL

- Andrew Gregory (@andrewgregory) 31 dicembre 2018

Nitrosammine

I nitriti aiutano a preservare la carne e ne esaltano il gusto. Se aggiunti alla carne trasformata, producono elementi cancerogeni: nitrosammine. L'Organizzazione Mondiale della Sanità classifica le carni trasformate come cancerogene del Gruppo 1. Sono responsabili di 34.000 casi di cancro mortale ogni anno.

Fai più prevenzione

Gli scienziati britannici, associati ai politici, chiedono maggiore azione da parte del governo per impedire l'uso di queste sostanze pericolose: "Esiste un consenso tra gli scienziati sul fatto che i nitriti nelle carni trasformate producano nitrosammine cancerogene, e aumentano così il rischio di cancro per coloro che consumano regolarmente pancetta e prosciutto ", spiegano. Secondo loro, non c'è abbastanza prevenzione su queste sostanze, rispetto alle avvertenze regolari sui pericoli di zucchero e cibi grassi.

Il peso dei produttori

Secondo questo rostro, i produttori di carne devono cambiare posizione sui nitriti. "Ricordando la posizione assunta dall'industria del tabacco negli anni '90, alcuni produttori e regolatori alimentari continuano a sostenere che i rischi per la salute delle carni trattate con nitriti sono trascurabili, affermano gli scienziati. Ma i fatti mostrano il contrario. La maggior parte dei bacon in vendita nei supermercati del Regno Unito contengono nitriti. Per i firmatari di questo invito, gli industriali devono "agire rapidamente".

I molteplici rischi associati alla salumeria

Il salumi, anche quando è privo di nitriti, è un prodotto da consumare con moderazione. A marzo, i ricercatori israeliani hanno dimostrato che il suo consumo, come quello della carne rossa, aumenta il rischio di soffrire di NASH, malattie del fegato grasso. Questi non sono gli unici rischi associati al consumo di salumi. Negli ultimi anni, in Francia, il numero di casi di epatite E è in aumento.

Questa malattia, che colpisce il fegato, è legata all'ingestione di carne da animali infetti. Alcuni salumi possono anche essere condannati alla salmonella typhimurium, quando sono consumati dall'uomo, causano gastroenterite. Il consumo di salsicce richiede una grande vigilanza sull'origine e sulla fabbricazione dei prodotti, e quando una persona è a rischio, ad esempio una donna incinta o immunodepressa, è meglio astenersi.

Video: I salumi: rischi e consigli (Aprile 2020).