In che modo il cervello decide cosa imparare?

Lo smistamento delle informazioni verrebbe effettuato una parte del cervello chiamata "talamo paraventricolare", o PVT.

I ricercatori credono di aver scoperto come il cervello decide cosa imparare. Nell'uomo come negli animali, il cervello non è una macchina semplice per registrare le informazioni esterne che riceve. Ordina anche i dettagli più importanti degli altri, al fine di garantire il più possibile la sopravvivenza della specie.

Talamo paraventricolare

Questo tipo di informazioni verrebbe effettuata una parte del cervello chiamata "talamo paraventricolare", o PVT. "Abbiamo dimostrato che le cellule talamiche svolgono un ruolo molto importante nel monitoraggio dello stimolo, cosa che nessuno ha mai fatto prima", afferma Xiaoke Chen, direttore dello studio.
Per fare questo, il suo team ha lavorato sui topi. Gli animali hanno imparato ad associare gli odori a risultati positivi e negativi. All'inizio dell'esperimento, un odore segnalava l'arrivo di un sorso d'acqua, mentre un altro indicava al topo che stava per ricevere una boccata d'aria sulla sua testa. Successivamente, i ricercatori hanno sostituito il soffio d'aria con una leggera scossa elettrica.

Aiuta a trattare la dipendenza

Il team ha quindi scoperto che i neuroni PVT stavano seguendo questo cambiamento. Nella prima fase della ricerca, i due terzi dei neuroni PVT hanno reagito ad entrambi gli odori, mentre il 30% è stato attivato solo dall'odore dell'acqua. In altre parole, il talamo paraventricolare ha reagito a risultati positivi e negativi, ma ci sono state più reazioni a sensazioni positive.
Ulteriori esperimenti hanno stabilito che è possibile controllare l'attività del talamo paraventricolare con giochi di luce.
Questi risultati potrebbero aiutare a sviluppare nuovi modi di apprendere stimolando o sopprimendo l'attività del PVT. Potrebbero anche, a lungo termine, aiutare a curare la dipendenza decostruendo il legame tra l'uso di droghe e il benessere che ne deriva.

Video: INGANNI MENTALI come funziona il cervello quando ci fa brutti scherzi (Novembre 2019).