Gotta: il ruolo di una dieta povera non è così importante

Le molte persone che soffrono di dolorosi attacchi di gotta saranno in grado di sentirsi in colpa. Lo sviluppo della malattia non è interamente dovuto alla loro dieta povera.

Per secoli, la gotta è stata un uomo sulla cinquantina, pletorica e mangiava cibi e frattaglie troppo ricchi. Un nuovo studio pubblicato in il BMJ sfida questo postulato, sostenendo che la genetica è un fattore di rischio molto più importante della dieta per questa malattia comune.
Per giungere a queste conclusioni, sono state esaminate le cartelle cliniche di 8.414 uomini e 8.346 donne europee. Tutti avevano più di 18 anni e nessuno aveva malattie renali o gotta. In ogni caso, i ricercatori hanno esaminato il loro livello di acido urico (urato) nel sangue, un tasso troppo elevato è associato alla gotta.

Gli alimenti rappresentano meno dell'1% della variazione dei livelli di urato

L'analisi ha rivelato che sette alimenti sono associati ad alti livelli di acido urico (birra, liquori, vino, patate, pollame, bibite e carne) e otto alimenti sono associati a livelli ridotti di urato (uova). arachidi, cereali, latte scremato, formaggio, pane integrale, margarina e frutta). Tuttavia, ciascuno di questi alimenti rappresenterebbe meno dell'1% della variazione dei livelli di urato.
Allo stesso modo, una dieta malsana aumenta i livelli di acido urico nel sangue (uricemia), ma rappresenta meno dello 0,3% delle variazioni osservate tra le persone. D'altra parte, l'analisi genetica di queste stesse persone rivela che i fattori genetici comuni rappresentano quasi un quarto (23,9%) della variazione dei livelli di acido urico. E qui, cambiamo francamente la scala.

Far sentire in colpa i pazienti

"I nostri dati mettono in discussione le percezioni diffuse che la gotta è principalmente causata dalla dieta, dimostrando per la prima volta che le varianti genetiche contribuiscono molto di più alla gotta rispetto all'esposizione alimentare", affermano i ricercatori. . Pertanto, "gran parte della preponderanza dei pazienti con iperuricemia e gotta non è modificabile", concludono.
Cosa consentire ai pazienti di sentirsi più in colpa, ma soprattutto di allertare quando un membro della famiglia ha la gotta. A causa della genetica, la gotta ha un carattere familiare e devi consultare, che tu sia un uomo o una donna, perché la gotta è meno dolorosa e più facile da trattare all'inizio.

La gotta "pone un vero problema di salute pubblica che si integra nelle malattie legate a diete malsane come l'obesità e il diabete", ma non solo ha spiegato l'anno scorso il professor Thomas Bardin, capo di Dipartimento di reumatologia dell'ospedale Lariboisière, Parigi. Negli ultimi 20 anni, la frequenza della gotta è raddoppiata nelle donne, dove è più spesso sotto forma di poliartrite atipica.

Una malattia molto dolorosa

La gotta è una condizione cronica comune, collegata a un eccesso di acido urico nel sangue (iperuricemia) che porta alla sua deposizione nel corpo sotto forma di microcristalli di acido urico nelle articolazioni e in altri tessuti. È caratterizzato dalla comparsa di attacchi improvvisi di dolori articolari, molto dolorosi, che sono accompagnati da arrossamento, riscaldamento e gonfiore della zona interessata.

In generale, è l'alluce che viene spesso attaccato negli esseri umani, ma altre articolazioni possono essere danneggiate, specialmente nelle donne. Questo deposito di microcristalli nel corpo è accompagnato da un'infiammazione cronica che è peggiorativa per il rischio cardiovascolare. Non è quindi una malattia "folclorica" ​​che potremmo trascurare, soprattutto perché il trattamento è molto semplice se raggiungiamo gli obiettivi del consenso.