Vaccinazione obbligatoria: progredisce principalmente perché il Ministero della salute è impegnato

La vaccinazione dei bambini è andata avanti dall'inizio dell'anno in Francia, ma non solo a causa dell'obbligo di vaccinazione, introdotto il 1 ° gennaio 2018. La mobilitazione delle autorità pubbliche è probabilmente molto importante.

Dal 1 ° gennaio 2018, la vaccinazione obbligatoria per i bambini è aumentata da 3 a 11 vaccini. Allo stesso tempo, Public Health France ha osservato, nel periodo gennaio-maggio 2018, un aumento della copertura vaccinale dei bambini. Ma questo aumento si verifica anche prima dell'entrata in vigore della legge e riguarda i vaccini che vanno oltre gli 11 vaccini obbligatori.

Questo miglioramento sarebbe il risultato diretto degli effetti della mobilitazione del governo per sottolineare l'importanza dell'immunizzazione. Una mobilitazione che tutti gli attori della salute hanno atteso per combattere contro le farmacie di disinformazione sulla vaccinazione.

La voce delle autorità ha un peso

In effetti, le autorità pubbliche e i loro partner si sono mobilitati ben prima della promulgazione della legge ampliando le vaccinazioni obbligatorie per la prima infanzia. Hanno ampiamente comunicato per ricordare agli operatori sanitari, così come ai genitori, i benefici individuali e collettivi della vaccinazione. Alla fine hanno fatto il loro lavoro in quest'area cruciale per la salute e hanno coperto il rumore spurio della disinformazione.

Numeri molto interessanti

Guardando ai primi mesi del 2018, Public Health France rileva un aumento della copertura vaccinale del + 5,6% per il vaccino contro le infezioni da meningococco C (raccomandato a 12 mesi): la vaccinazione è passata dal 56,8% a 62,4% in un anno. Nel contesto dell'epidemia di morbillo verificatasi durante questo periodo (2779 casi di morbillo e 3 decessi da novembre 2017), abbiamo osservato un aumento della copertura vaccinale del + 2,6% per la prima dose di vaccino contro il morbillo. parotite-rosolia (consigliato a 12 mesi): è passato dal 72,41% al 75,0%.
Allo stesso tempo, c'è un aumento della vaccinazione di recupero contro il meningococco C con un aumento della copertura tra gennaio e maggio 2018 dell'1,4% per le persone dai 2 ai 5 anni nel 2017, dal 70,8% al 72%. , 2%, nonché un aumento della vaccinazione contro le infezioni da papillomavirus umano (HPV), con un aumento della copertura tra gennaio e maggio 2018 del 6,2% per le ragazze di età compresa tra 11 e 14 anni nel 2017.

La tendenza è confermata dopo l'entrata in vigore della legge

Sono disponibili i primi dati sulla vaccinazione obbligatoria dei bambini nati nel 2018: riguardano la vaccinazione contro l'epatite B. Dei bambini nati a maggio 2018, il 97,8% ha ricevuto la prima vaccinazione (usando vaccini esavalenti tra cui epatite B), rispetto al 92,3% di maggio 2017, con un incremento del + 5,5%. Questa osservazione confermerebbe il beneficio della vaccinazione obbligatoria per migliorare la copertura vaccinale contro l'epatite B.
Questi primi risultati incoraggianti sull'impatto della vaccinazione obbligatoria saranno completati nel 2019 durante la Settimana europea dell'immunizzazione, che si svolgerà dal 22 al 28 aprile 2019.

Le autorità pubbliche rimarranno mobilitate nella loro missione di informazioni sulle vaccinazioni con, tra gli altri, Vaccination-info-service.fr, il sito dedicato che fornisce informazioni pratiche e scientificamente convalidate per rispondere alle domande del pubblico, come professionisti provenienti da salute.

Secondo l'OMS, la vaccinazione è una delle 3 azioni di salute pubblica, con il miglioramento del cibo e dell'igiene, che ha avuto il maggiore impatto sull'aspettativa di vita nel mondo.