Macchie nere sulla placenta: è dimostrato, l'inquinamento atmosferico si diffonde nell'utero

Un nuovo studio mostra che le particelle di fuliggine sono in grado di raggiungere la placenta attraverso il flusso sanguigno, ulteriore prova che l'inquinamento atmosferico è pericoloso per i bambini non ancora nati.

Ricerche precedenti avevano già scoperto associazioni tra l'esposizione delle donne in gravidanza all'inquinamento atmosferico e le nascite premature, basso peso alla nascita, mortalità infantile e problemi respiratori nei bambini.
Questa volta, un nuovo studio, presentato al Congresso internazionale della European Respiratory Society, mostra che le particelle di fuliggine sono in grado di raggiungere la placenta attraverso il flusso sanguigno, nelle donne in gravidanza che respirano aria troppo inquinata. "Sappiamo da tempo che l'inquinamento atmosferico influisce sullo sviluppo del feto e può continuare a colpire i bambini dopo la nascita, per tutta la vita." Volevamo sapere se questi effetti potrebbero essere dovuti a inquinamento che si sposta dai polmoni della madre alla placenta Finora, ci sono state poche prove che particelle inalate penetrino nel flusso sanguigno attraverso i polmoni ", afferma la dott.ssa Lisa Miyashita (Queen Mary University, Londra) , coautore della ricerca.

La placenta di 5 donne

Il suo team ha studiato la placenta di 5 donne dopo il parto. Tutti erano non fumatori, non hanno avuto complicazioni durante la gravidanza e hanno dato alla luce bambini sani.
I ricercatori hanno esaminato le cellule chiamate "macrofagi placentali". Presente in molte parti del corpo, i macrofagi partecipano al sistema immunitario assorbendo particelle nocive, come batteri e particelle inquinanti. Nella placenta, aiutano a proteggere il feto.
3.500 cellule di macrofagi placentali - provenienti dalle cinque placche - sono state esaminate al microscopio. I ricercatori hanno trovato 60 cellule, che da sole contenevano 72 piccole aree nere, secondo le quali particelle di carbonio. In media, ogni placenta conteneva circa cinque micrometri quadrati di detta sostanza tossica.

Per passare dai polmoni alla circolazione

"Abbiamo le prime prove che le particelle sospese nell'aria possono passare dai polmoni alla circolazione e poi alla placenta." Non sappiamo se le particelle che abbiamo trovato possano anche muoversi nel feto, ma pensiamo che sia In ogni caso, le particelle non devono entrare nel corpo del bambino per avere un effetto dannoso, perché se hanno un effetto sulla placenta, ciò avrà un impatto diretto sul feto ", conclude il pediatra e coautore dello studio Norrice Liu. '
Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), 9 persone su 10 respirano aria contenente alti livelli di inquinanti. 7 milioni di persone muoiono ogni anno. "L'inquinamento atmosferico è una minaccia per tutti noi, ma le persone più povere ed emarginate sono le prime a soffrire", ha dichiarato il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'OMS. "Non possiamo accettare che oltre 3 miliardi di persone - principalmente donne e bambini - continuino a respirare quotidianamente con fumi mortali da stufe e combustibili inquinanti e, se non agiamo rapidamente, lo sviluppo sostenibile rimarrà una chimera ".