Fibrillazione atriale: 4 pazienti su 10 avrebbero un danno cerebrale senza saperlo

Alcune persone con fibrillazione atriale, un disturbo del ritmo cardiaco, hanno un danno cerebrale mentre non hanno mai avuto infarto o ictus. Questo potrebbe spiegare perché alcuni di loro soffrono di demenza.

Il 10% delle persone con più di 80 anni ha fibrillazione atriale. Questo comune disturbo del ritmo cardiaco può causare un ictus, dalla migrazione di un coagulo formato nell'atrio cardiaco o da insufficienza cardiaca.

Ricercatori canadesi, della McMaster University di Hamilton, mostrano in uno studio che su 10 persone di età superiore ai 65 anni con fibrillazione atriale cardiaca, 4 hanno lesioni nel cervello. I loro risultati sono stati presentati al Congresso della European Society of Cardiology, che durerà fino al 29 agosto a Monaco, in Germania.

Nessuno ha avuto un ictus

Il loro studio ha incluso 1.389 pazienti di età superiore ai 65 anni con fibrillazione atriale. Nessuno di loro ha avuto un ictus o ictus prima. Dopo diversi test di imaging del cervello, i ricercatori hanno scoperto che il 41% di loro aveva lesioni cerebrali non identificate fino ad ora. "Queste lesioni cerebrali possono innescare un declino cognitivo", afferma David Conen, uno degli autori di questo studio.

Demenza per conseguenza

L'ictus di solito dà una carenza quando è importante, ma piccole embolie ripetitive, che danno microinfarto al cervello possono essere uno dei motivi per cui alcune persone hanno la demenza vascolare perché l'incidente può causare danno cerebrale asintomatico ma cumulativo.

Per diversi anni, gli scienziati si sono interrogati sui casi di demenza nelle persone con fibrillazione atriale che non hanno mai avuto un ictus. Questi nuovi risultati sono una prima linea di pensiero, anche se i ricercatori devono continuare il loro lavoro per verificare che i pazienti affetti da queste lesioni cerebrali soffrano di disturbi cognitivi.

La demenza provoca un deterioramento delle capacità cognitive: perdita di memoria, difficoltà nel formulare determinati ragionamenti o nello svolgere determinate attività, ecc. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, 50 milioni di persone in tutto il mondo ne soffrono.

Video: Fibrillazione Atriale: come riconoscerla, come trattarla (Settembre 2019).