Come vivere meglio il jet lag?

Molti vacanzieri scopriranno le gioie del jet lag. Positivo nella direzione est-ovest. Doloroso nella direzione opposta. Meglio viverlo?

Tutti i nostri organi, tutte le nostre funzioni vitali hanno un ritmo la cui frequenza è diversa. In effetti, un team di ricercatori Inserm, guidato da Howard Cooper (Inserm Unit 1208 "cellula staminale e istituto cerebrale"), ha recentemente dimostrato in uno studio che gli organi non funzionano allo stesso modo a seconda del tempo giorno.

Non è un orologio che gestisce le nostre vite, ma piuttosto un insieme di orologi che obbediscono a un'oscillazione oraria, giornaliera, settimanale, mensile o persino annuale per determinate funzioni. Tutte le funzioni essenziali del corpo sono sincronizzate con il tempo dall'orologio circadiano del corpo. Una piccola area nella parte inferiore del cervello vicino alla bocca ci ricorda di svegliarci e di andare a letto ad orari regolari ogni giorno. Questo orologio interno è scientificamente chiamato nucleo soprachiasmatico o NSC. Quando questo sistema viene interrotto, a causa di programmi di lavoro sfalsati o di un viaggio in un altro continente, ad esempio, le 20.000 cellule nervose in quest'area stanno lottando per adattare il corpo a un nuovo ritmo.

Non conosciamo il nome del grande orologiaio, ma quello di uno dei suoi assistenti, la melatonina. La melatonina è un ormone naturale secreto dal cervello quando la luce si spegne per dire che è ora di andare a dormire. Permette al corpo di orientarsi nel tempo, grazie in particolare all'alternanza luce / buio che innesca la sua secrezione.

Gli effetti protettivi della melatonina

Nel trattamento del cancro al seno, ad esempio, è stato riscontrato che il suo livello di sangue nelle donne americane è inferiore a quello delle donne giapponesi, che sviluppano un numero molto inferiore di tumori al seno. Gli assistenti di volo - che, a causa dei loro viaggi, hanno secrezioni anarchiche di melatonina e quindi un tasso più basso - hanno anche il doppio dei tumori di questo tipo rispetto alle donne che rimangono sulla Terra. Tutte le principali funzioni biologiche sono controllate direttamente o indirettamente da questo sistema: le secrezioni ormonali, ma anche il funzionamento del cuore, la digestione, l'immunità e, naturalmente, il cervello.

Come vivere meglio il jet lag?

È del tutto possibile spostare gradualmente l'orologio biologico (ritmo e cicli del sonno) qualche giorno prima della partenza, in modo da non imporlo brutalmente sul proprio corpo. Vai avanti o indietro (a seconda della destinazione) l'ora di pranzo, cena e ora di andare a letto. Puoi anche spostare l'ora dell'orologio, in modo che si attacchi al tuo nuovo ritmo. Se è in trattamento, si rivolga al medico.

Durante il volo, ricordati di idratarti regolarmente, ma evita bibite, tè o caffè. Mangia leggero. Allunga regolarmente le gambe. Se il tuo volo è lungo, opta per calze a compressione per facilitare la circolazione sanguigna. Se atterri molto presto al mattino, riposa, ma sfrutta al massimo la luce naturale del giorno. Ad esempio, non andare a letto alle 5 del mattino per alzarti alle 14:00.

I biologi americani sono riusciti a sviluppare uno strumento contro il jet lag sui topi attivando un sottoinsieme di neuroni coinvolti nell'impostazione dei ritmi quotidiani. I risultati sono stati pubblicati giovedì 12 luglio sulla rivista scientifica Neuron.

Per ulteriori informazioni: Disturbi neurologici del sonno

"Disturbi neurologici del sonno": un programma molto pratico riguardante l'esercizio di tutti i medici. - Sindrome delle gambe senza riposo, sonnambuli e terrori notturni, anziani che gridano e cadono dai loro letti, ipersonnia, apnea notturna, senza dimenticare due soggetti di alto profilo: l'influenza degli schermi, qualunque essi siano (TV, computer o smartphone) sulla qualità del sonno e questa "sindrome della testa che esplode" che ha fatto notizia la scorsa settimana. Il nostro ospite è un grande specialista in questi disturbi del sonno non riconosciuti ma diffusi! Isabelle Arnulf è davvero professore e capo del servizio di esplorazione dei disturbi del sonno, con il Pitié-Salpêtrière a Parigi.

Tutte le emissioni della catena di frequenza medica VYV:

//www.youtube.com/channel/UCtNyuN_HFlNYO0-gqXwhLTg/playlists

Video: Franco La Cecla "Jet Lag" (Gennaio 2020).