AIDS: tra 1600 e 4000 infezioni dovute alla recente introduzione di Truvada

Secondo un rapporto dell'Ispettorato generale degli affari sociali (IGAS), l'Agenzia nazionale per i medicinali (ANSM) sarebbe passata troppo tempo prima di immettere sul mercato Truvada, un farmaco preventivo anti-HIV.

L'Agenzia nazionale per la sicurezza antidroga (ANSM) ha aspettato troppo a lungo prima di concedere a Truvada un trattamento pre-esposizione alla profilassi anti-HIV (PrEP) da prendere prima del rischio sessuale, la sua autorizzazione a marketing?

È quanto ha procurato un rapporto dell'Ispettorato generale degli affari sociali (IGAS). Il mondo. Secondo il servizio amministrativo, l'indagine "anormalmente lunga" del caso sull'ANSM non è stata irrilevante poiché durante i 35 mesi del processo, tra 1.666 e 4.000 persone sono state infettate dall'HIV. .

Un accumulo di ritardi

La lunga storia del marketing Truvada è iniziata nel gennaio 2013, quando l'associazione AIDES ha sequestrato l'ANSM per richiedere la fornitura di Truvada sul mercato. In questo momento, il farmaco solleva ancora serie preoccupazioni da alcune associazioni anti-HIV, che temono che il farmaco PrEP minerà la loro campagna di prevenzione dell'uso del preservativo.

Dai primi mesi, i ritardi accumulati: Il mondo spiega che il laboratorio Gilead, che produce Truvada, ha impiegato quattro mesi per fornire all'ANSM i documenti necessari per esaminare il file. Tra ottobre 2013 e luglio 2014 - o 9 mesi - "non si è verificata alcuna procedura riconoscibile" per l'ANSM, afferma il rapporto. AIDES finisce per rilanciare l'ANSM nel maggio 2014 e riceve una risposta dal Ministro della Salute Marisol Touraine il 7 luglio.

Due settimane dopo, l'Agenzia francese per i medicinali ha nominato un comitato scientifico per preparare la "raccomandazione temporanea per l'uso" (RTU) con la quale l'ANSM può regolare le prescrizioni che non rispettano l'autorizzazione all'immissione in commercio. (AMM), dice il quotidiano.

Nel gennaio 2015, quasi due anni dopo il rinvio dell'ANSM da parte di AIDES, il comitato scientifico ha finalmente iniziato i suoi lavori, che torna alla fine dell'anno. La Truvada riceve finalmente la sua raccomandazione temporanea per l'uso, che ha effetto solo a gennaio 2016. Sono trascorsi 35 mesi dall'inizio della formazione.

"Il ritardo nella formazione RTU di Truvada è stato notato dalla maggior parte dei principali attori del tempo: i partner dell'amministrazione della sanità pubblica in primo luogo - i leader della comunità in particolare - ma anche le parti interessate , collaboratori e persino leader di questa amministrazione, sottolinea il rapporto che continua: molti di loro hanno riferito che il file RTU, sebbene importante in termini di salute pubblica, sembrava essere stato impantanato o "sepolto" per troppo lunghi mesi ", scrive IGAS nel suo rapporto.

Tra 1.600 e 4.000 infezioni che avrebbero potuto essere evitate

Questa attesa non è stata senza conseguenze. Secondo l'IGAS, che si basa sui dati della direzione generale della Salute, l'immissione anticipata sul mercato di Truvada avrebbe potuto potenzialmente evitare da 1.666 a 4.000 infezioni da HIV.

Intervistato lunedì 9 luglio dalla Francia, l'Inter, ex presidente dell'associazione AIDES Bruno Spire, ritiene che "l'amministrazione e molti membri della professione medica abbiano la responsabilità del fatto che le persone sono state contaminate durante questo periodo mentre avrebbero potuto beneficiare dell'accesso anticipato ".

Attualmente, circa 7000 persone in Francia usano Truvada come trattamento preventivo per l'HIV. La sua sperimentazione clinica riporta un rischio ridotto di contaminazione dell'86%. La Francia è il primo paese ad aver autorizzato l'immissione sul mercato.

Video: Romina, infettata dall'ex sieropositivo: "Così affronto la malattia" - Porta a porta 21032019 (Gennaio 2020).