Colore della pelle: come scegliere la protezione solare per la spiaggia quest'estate?

Come scegliere la crema solare in base al tipo di pelle? Piccolo tutorial estivo.

L'estate è dichiarata, le vacanze scolastiche tu, ed ecco il momento di andare al mare. Per goderti la spiaggia o la piscina in pace, e più di un giorno di fila, una buona crema solare è richiesto. Ma nella macchia di prodotti disponibili, come scegliere la tua crema?

La luce ultravioletta esiste in diverse varietà. Le radiazioni UVB sono le più potenti: è lui che provoca scottature. Dipende dalla posizione, dalla posizione del sole, dall'ora del giorno, dal tempo ...

Trova l'indice

Per proteggerti dai raggi UVB, scegli una crema con sufficiente fattore di protezione solare (SPF). Gli indici, che vanno da 6 a 50+, esprimono la capacità di una crema di ritardare le scottature. Un individuo dalla pelle chiara vedrà la propria pelle iniziare a arrossire dopo circa 10 minuti di esposizione. Una crema di 15 gli dà una pausa di 150 minuti prima di vedere la sua pelle ricominciare a bruciare.

La scelta dell'indice SPF dipende dal tuo fototipo, vale a dire dalla tua pigmentazione e dalla tua sensibilità al sole. Per la spiaggia, possiamo contare sui seguenti punti di riferimento:

- Pelle abbastanza resistente (opaca o nera, senza scottature): SPF da 6 a 10

- Pelle intermedia (abbronzatura facile, scottature solari rare): SPF da 15 a 25

- Pelle sensibile (bianca, frequente abbronzatura): SPF da 30 a 50

- pelle estremamente sensibile (bianca, lentiggini, non si abbronza): SPF 50+

Dal laboratorio alla spiaggia

Questi indici sono calcolati supponendo che la crema sia applicata al ritmo di due grammi per centimetro quadrato di pelle. Una quantità illusoria, che ti costerebbe quasi un tubo al giorno! In pratica, si ritiene spesso che un indice di 50 corrisponda a un indice 15. Per le bucce bianche, è quindi necessario optare per una crema da 50 indici e imbastire ogni due ore.

C'è anche la questione della radiazione UVA, più diffusa e penetrante di quella UVB. È quello che attraversa il vetro o le nuvole e ti dà una carnagione abbronzata dopo una giornata di sole, purtroppo temporanea. Per essere efficacemente protetto dai raggi UVA, l'indice di protezione deve essere pari a un terzo dell'indice SPF. In questo caso, il tubo di crema ha un logo UVA visibile.

In ogni caso, sii generoso sulla crema e bagna almeno ogni due ore. Per quanto riguarda i termini "schermo totale" o "protezione al 100%", non hanno assolutamente alcun valore. Ricordati di proteggerti dal marketing.

E per ricapitolare ...