Dichiarazione anti-vaccino del professor Joyeux: la comunità scientifica sta protestando contro la revoca della sua cancellazione

Le sei Accademie di Francia stanno protestando in una e-mail di annullamento congiunta della cancellazione del professor Henri Joyeux, una figura di anti-vaccinazione e ricordano che le sue osservazioni "sono tanto più scandalose che la copertura del vaccino rimane insufficiente in France".

Le sei Accademie delle scienze, Agricoltura della Francia, Chirurgia dentale nazionale, Medicina nazionale, Farmacia nazionale e Veterinario di Francia stanno protestando contro il verdetto della Camera disciplinare nazionale dell'Ordine dei medici, che il 26 giugno , ha decretato che le dichiarazioni anti-vaccino del professor Henri Joyeux "non hanno superato il principio della libertà di espressione". In effetti, la denuncia presentata contro di lui dal Consiglio nazionale dell'Associazione medica è stata respinta. Giudicata "non sufficientemente motivata", anche la sua radiazione pronunciata in prima istanza l'8 luglio 2016 dalla Camera disciplinare della Linguadoca-Rossiglione è stata cancellata.

"Nel loro dovere di proteggere la salute delle popolazioni", le Accademie "dichiarano solennemente che la libertà di espressione ha dei limiti e che non scusa le irresponsabili accuse di alcuni professionisti della salute". In una e-mail comune inviata a Why Doctor, "si ribellano alle parole di Henri Joyeux che, avvalendosi della revoca delle sue radiazioni dal Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Medici, afferma che" ha ragione "riguardo al suo Queste posizioni sono tanto più scandalose in quanto la copertura immunitaria rimane insufficiente in Francia, i rischi di epidemia persistono ".

L'origine delle petizioni anti-vaccino

All'origine di questo caso? Due petizioni anti-vaccino pubblicate online a settembre 2014 e maggio 2015. La prima ha contestato una raccomandazione dell'Alto Consiglio della sanità pubblica, mai seguita dal governo, sostenendo di abbassare l'età di 11-9 anni contro la vaccinazione il papillomavirus per le ragazze. Ma questa missiva "fa parte della libertà lasciata a qualsiasi individuo in uno stato democratico di esprimere la sua opinione su un argomento che lo riguarda", ha affermato la camera disciplinare nazionale.

La seconda petizione ha denunciato la sostituzione del vaccino trivalente DTPolio (protezione contro la difterite, il tetano e la poliomielite) con un vaccino esavalente (protezione contro sei malattie) e ha principalmente indicato la presenza di alluminio, i cui pericoli non sono mai stati dimostrati. scientificamente. "La tossicità dell'alluminio come adiuvante e la pericolosità del vaccino contro l'epatite B sono state oggetto di accese controversie per diversi anni", ha osservato la corte d'appello.

Citato come riferimento dagli anti-vaccini, il medico di 72 anni è ora sfidato da gran parte della comunità medica. "Non sono affatto cancellato, non ho alcuna colpa, cosa significa, significa che ho ragione", ha detto il professor Joyeux a un giornalista AFP alla fine del verdetto. Ma come hanno concluso le sei Accademie: "la notizia ci ricorda che il morbillo può uccidere!"