Montpellier: paralisi facciale in un uomo infetto dal virus Usutu. Che cosa è ?

Un primo caso di infezione umana con il virus Usutu è stato diagnosticato a Montpellier. Trasmesso dal morso della zanzara Culex, il più diffuso in Francia, il virus attacca direttamente il sistema nervoso. Come riconoscere questa zanzara e proteggerla?

Dopo dengue, zika e chikungunya, ecco il virus Usutu. Trasmesso dal morso di una zanzara Culex, questo nuovo virus che attacca il sistema nervoso è stato appena scoperto dai ricercatori di Inserm Montpellier. Virus di origine africana (Senegal, Nigeria, Uganda, Burkina Faso, Costa d'Avorio, Marocco ...), Usutu colpisce principalmente le specie di uccelli migratori, come merli, tette, passeri, gole e alcuni rapaci, tra cui il gufo e il gufo. In Europa, il merlo sembra essere la principale vittima.

Un virus essenzialmente animale

Il ciclo di sviluppo del virus Usutu è ancora sconosciuto alla comunità scientifica, ma sembra che questi uccelli siano il serbatoio del virus. Identificato formalmente per la prima volta in Sudafrica nel 1959, nello Swaziland vicino al fiume Usutu (da cui il suo nome), circolerebbe in Occitania dal 2015.

Si ritiene che sia responsabile di diversi focolai infettivi che causano una significativa mortalità degli uccelli, come nel 2004 in Austria. Sorprendentemente, il numero di uccelli malati o virus-positivi è spesso diminuito spontaneamente dopo un focolaio, suggerendo che l'immunità collettiva si sta sviluppando rapidamente negli uccelli sopravvissuti. Tuttavia, nessuno studio scientifico supporta questa ipotesi. Dal 1996, numerosi eventi di mortalità volatile sono stati attribuiti a Usutu nelle province italiane di Firenze e Pistoia, nonché in Ungheria, Svizzera, Spagna e Germania.

Un primo caso umano

Il primo caso di infezione umana in Francia è stato individuato a Montpellier. Un uomo di 39 anni è stato infettato in Francia dopo che una zanzara Culex ha morso uccelli migratori dall'Africa. "È arrivato con la paralisi facciale", ha detto Olivier Sillam, il caregiver del paziente, con il lato destro del viso che non poteva muoversi, aveva le formiche su tutto il corpo, principalmente sul lato destro, e lievi deficit motori. Un'immagine piuttosto insolita per una classica paralisi facciale ". Un tropismo neurologico quindi per l'infezione legata a questo virus. Diversi casi umani sono stati segnalati in Europa: 10 in Italia e tre in Croazia. Punto positivo: il virus non viene trasmesso da uomo a uomo.

La zanzara Culex e le altre

La zanzara Culex è l'insetto predominante in Francia. Conosciuta anche come "zanzara domestica", può trasmettere gravi malattie come la febbre del Nilo occidentale o l'encefalite giapponese, così come il virus Usutu, a differenza del vettore di zanzara Anopheles della malaria o della zanzara Aedes (compresa la zanzara tigre) ) che è il vettore, la dengue, il Chikungunya e il virus Zika. La zanzara Culex non è come la zanzara tigre: è lunga da 5 a 7 mm e le sue ali sporgono leggermente dall'addome, che è marrone e inanellato. Il corpo della femmina può essere deformato quando sanguina. È anche lei a pungere l'Uomo.

Come la zanzara tigre, Culex gode delle acque calde e stagnanti e / o degli stagni o pozzi ombrosi ed è in grado di pungere nel mezzo della giornata (a differenza delle anofele che pungono solo di notte). È quindi necessario proteggersi in teoria 24 ore al giorno, quindi l'interesse di eliminare i siti di riproduzione nel tuo habitat, vale a dire la fonte minima di acqua stagnante, come il fondo delle grondaie o i piattini del vaso di fiori. È proprio in questi piccoli angoli tranquilli che le femmine depongono le loro uova.

Il nostro tempo è in transizione, soprattutto a causa dei viaggi o del riscaldamento globale. Non è quindi sorprendente vedere emergere molte nuove malattie in Francia ("malattie emergenti") che un tempo riguardavano solo paesi lontani.