Rischio di una pandemia globale: attenzione, i cani potrebbero diventare i nostri peggiori nemici

I ricercatori hanno studiato le mutazioni dell'influenza canina in Cina e hanno trovato ceppi di H1N1. Il cane potrebbe diventare il vettore del prossimo virus influenzale globale.

Lo scenario del film di Wes Anderson "The Dog Island" potrebbe non essere così futuristico come sembra. In questa finzione, i cani vengono messi in quarantena a causa di un'epidemia di influenza canina. In realtà, i cani potrebbero trasportare un virus che causa la prossima pandemia di influenza. Questo è in ogni caso il messaggio portato dai ricercatori americani e cinesi nel loro studio pubblicato sul sito web della American Society for Microbiology.

Cani portatori del virus H1N1

Per molto tempo si è ritenuto che i principali animali in grado di trasmettere virus all'uomo fossero uccelli e maiali. Ma questa nuova ricerca mostra che i cani sono anche potenziali serbatoi e soprattutto vettori dell'influenza. In realtà possono essere contaminati dai maiali. I ricercatori hanno trovato segmenti del virus H1N1 e diversi altri ceppi di riassortimenti genici nel genoma del virus. "Abbiamo trovato H1N1, H3N2 e H3N8 nei cani, questi virus stanno iniziando a interagire tra loro, il che è un forte promemoria di ciò che è accaduto ai maiali prima dell'epidemia di H1N1", avverte Adolfo García-Sastre. , l'autore principale di questo studio.

5 virus scoperti

Per ottenere questi risultati, gli scienziati hanno condotto un campionamento di 800 razze di cani con influenza canina tra il 2013 e il 2015 nella Cina meridionale. In questa regione, ci sono sia cani da compagnia, cani randagi e cani allevati per la loro carne. I ricercatori hanno identificato 16 virus, 5 dei quali non sono stati conosciuti finora.

La situazione è preoccupante perché il virus dell'influenza si sta diversificando nel cane: il suo genotipo è sempre più vario, ma l'uomo è molto vicino al cane, il che rafforza il rischio di contaminazione. Per il dottor García-Sastre, ci sono ancora modi per prevenire un possibile focolaio: "Ci sono tentativi di contenere l'influenza suina vaccinando suini, sarebbe interessante pensare a un modo per vaccinare i cani".

La minaccia globale di una pandemia globale

Lo scorso febbraio, il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) Tedros Adhanom ha condiviso le sue preoccupazioni durante un vertice a Dubai. Teme una pandemia globale che potrebbe essere responsabile di milioni di morti, così come l'influenza spagnola. Per cercare di evitare questo scenario peggiore, è necessario, a suo avviso, rimediare alla mancanza di copertura sanitaria universale. Le persone molto povere non hanno i mezzi per consultarsi e questo potrebbe contribuire alla diffusione di un possibile virus. È anche nei quartieri più svantaggiati che troviamo i cani più randagi, con maggiori probabilità di trasportare virus e batteri. Il miglior amico dell'uomo diventerà il suo peggior nemico?

Video: LA PANDEMIA GLOBALE E' DIETRO LA PORTA (Dicembre 2019).