Allergie: quasi tutta la Francia nel polline di erba allerta arancione

La National Aerobiological Surveillance Network (RNSA) indica che il rischio di allergia ai pollini d'erba è elevato nella maggior parte del paese. Come proteggerti efficacemente?

Dopo allergie al polline di betulla, posizionare con polline di erba. Secondo la National Aerobiological Surveillance Network (RNSA), il rischio di allergia ai pollini d'erba è elevato ovunque in Francia, eccetto in Bretagna, nel Nord e intorno al Mediterraneo, dove il rischio è di livello medio.

"Le querce stanno impollinando in tutto il paese", ma hanno ancora "un rischio di livello medio nel Mediterraneo e basso altrove", afferma l'RNSA. Il polline di platano e acetosa sono presenti in piccole quantità e la loro allergia sarà di basso livello. "Intorno al Mediterraneo, altri pollini stanno aumentando con un rischio di allergia debole nella media locale, sono gli ulivi e le orticaceae (parietes)".

Il rischio di # allergie rimarrà elevato nella maggior parte del paese la prossima settimana, a causa di un'alta concentrazione di erbe #grass. Vedi la newsletter completa sul sito web di RNSA >> //t.co/UQdSUITArS pic.twitter.com/MWya27HVJB

- Weather Cities (@Meteovilles) 20 maggio 2018

Tutti i pollini non sono allergenici

Le erbe sono una famiglia di piante monocotiledoni dell'ordine Poales, che comprende circa 12.000 specie raggruppate in 780 generi, con una distribuzione cosmopolita. È, per numero di specie, la quinta famiglia di piante da fiore, dopo le Asteraceae, Orchidaceae, Fabaceae e Rubiaceae. Ci sono la maggior parte delle specie comunemente note come "erbe" e cereali. Si trova nei prati, nella foresta o lungo la strada.

Ma i pollini non sono tutti allergenici, afferma l'RNSA. Per causare sintomi allergici, è essenziale che i granuli di polline raggiungano la mucosa respiratoria. "Solo le piante anemofile diffondono i granelli di polline dal vento, mentre le piante entomofile richiedono l'intervento di un insetto per garantire la loro fecondazione trasferendo il polline del fiore maschio di origine al fiore femminile ricevente". I pollini delle pinaceae (pino, abete, abete rosso), che sono molto presenti nell'aria, non sono ad esempio allergenici, secondo l'RNSA. "I fiocchi bianchi che sono visibili nell'aria e che a volte fiancheggiano i prati, come una prima neve, provengono da pioppi e salici ma non sono polline, non hanno carattere allergenico, ma possono avere un carattere irritante ".

Chi soffre di allergie deve tuttavia rimanere molto vigile e consultare il proprio medico o un allergologo in caso di sintomi. "Per coloro che non lo sperimentano, un'allergia sembra innocua, è rara, può portare a febbre a 38 ° C, si possono nascondere sibili, affaticamento e asma sottostante. sotto una rinite e si dichiara a qualsiasi età ", osserva il dott. Jean-François Fontaine, allergologo a Reims (Marne), presidente dell'Associazione per la formazione continua in allergia (Anaforcal).

Come proteggerti efficacemente?

Tra il 20 e il 40% dei francesi soffre di allergie ai pollini. Se sei allergico, alcune precauzioni possono aiutarti. Il tutto è limitare il contatto con l'esterno quando il rischio è elevato: evitare le passeggiate nella foresta o nei campi. Se guidi, tieni le finestre chiuse.

La National Aerobiological Surveillance Network (RNSA) raccomanda anche di sciacquare i capelli la sera (altrimenti il ​​polline viene depositato sulla federa e mantenere l'irritazione, ndr), per incoraggiare l'apertura delle finestre prima dell'alba e dopo il tramonto (il polline è più presente durante il giorno, ndr), per evitare di asciugare i vestiti fuori e seguire il suo trattamento. Cambia regolarmente se puoi, i pollini tendono ad appendere sui vestiti.

Esistono anche molte applicazioni che ti consentono di misurare il tasso di impollinazione nella tua zona. L'RNSA informa "che i dati utilizzati non sono gli stessi per tutti" e riconosce le previsioni delle applicazioni "Avvisi polline", "I-pollen", "ALlergiK", "Assitant Air", "Dermocontrol", "Capt'air Brittany "così come quelli dei diversi ATMO. "Altre applicazioni utilizzano solo dati modellati".

Proteggi le tue vie aeree dall'inquinamento

Numerosi studi evidenziano gli effetti deleteri dell'inquinamento e del traffico automobilistico sulla salute respiratoria, in particolare quella dei bambini, con percentuali di asma e allergie da polline che aumentano del 20-30%. Un team internazionale di ricercatori ha sottolineato l'impatto dell'inquinamento atmosferico legato al traffico automobilistico sull'asma infantile.

I loro lavori sono stati pubblicati il ​​27 marzo sulla rivista Environment International mostra che fino al 38% di tutti i casi annuali di asma infantile a Bradford può essere attribuibile all'inquinamento atmosferico. L'inquinamento atmosferico legato al traffico automobilistico è stimato al 12% di tutti i casi di asma infantile identificati. In gioco: alti livelli di biossido di azoto. Questo inquinante atmosferico prodotto dal traffico stradale è infatti noto per causare irritazioni al sistema respiratorio e aggravare significativamente i problemi respiratori esistenti nei soggetti.

Video: Le allergie di primavera: sintomi e rimedi (Dicembre 2019).