Malattia di Lyme: come ridurre la presenza di zecche vicino a casa sua?

La primavera è precisamente il periodo di massima attività per le zecche. Si trovano in massa in aree boscose e umide, erba di erba alta, giardini, foreste o parchi urbani, nonché su animali. Come proteggere la tua casa?

La malattia di Lyme è una malattia infettiva,secondario alla trasmissione di un batterio durante una puntura di zecca. Le autorità francesi ogni anno riconoscono circa 30.000 nuovi casi. La prevalenza media è stata stimata in 43 casi per 100000 abitanti dal 2009. In confronto, sono stati 16,5 casi per 100000 persone tra il 1999 e il 2000 e 9,4 casi per 100000 individui dal 1988 al 1989, secondo Public Health France. Nel 2016, anche il tasso di incidenza annuale stimato è aumentato rispetto al 2015, passando da 51 casi / 100.000 a 84 casi / 100.000.

Ricordare questo costante aumento del numero di casi è importante poiché siamo proprio nel periodo di massima attività di questi parassiti. Si trovano in massa nelle aree boschive e umide, l'erba alta dei prati, i giardini, i parchi forestali o urbani o sugli animali (domestici o selvatici). "Le contaminazioni umane sono più frequenti nel periodo di massima attività delle zecche, in Francia tra l'inizio della primavera e la fine dell'autunno", avverte il Ministero della Salute.

Le zecche non sono naturalmente infette, ma vengono contaminate nutrendosi del sangue della fauna selvatica infetta. Non si allontanano neanche da soli. Tuttavia, la diffusione delle zecche da parte di diversi vettori (roditori, uccelli migratori, animali domestici) consente di essere morso fuori dai boschi e dalle aree naturali. Ad esempio, possono attaccarsi agli uccelli migratori e cadere lontano dalla loro posizione originale.

Malattia di Lyme

La malattia di Lyme può comparire entro 30 giorni dalla puntura, prima come una placca rossa e rotonda che si estende in un cerchio (eritema migrante) dall'area della puntura. La lesione della pelle può essere accompagnata da dolori muscolari e articolari o febbre. Con il trattamento precoce, scompare in poche settimane o pochi mesi. "I sintomi sono molteplici: dolori articolari, tremori e disturbi neurologici - perdita di memoria, stato depressivo", ha spiegato Eric Oden a France 3 New Aquitaine.

In assenza di trattamento, la progressione verso la fase secondaria non è sistematica, ma peggiora la prognosi: l'infezione può diventare cronica e diffondersi dalla pelle a tutto il corpo. Darà quindi gravi complicazioni che possono colpire diversi organi (articolazioni, cervello, cuore ...). "Da mesi a anni dopo l'infezione possono comparire manifestazioni terziarie, articolari, cutanee, neurologiche, muscolari o cardiache", ha affermato il Ministero della Salute.

Riconosciuto per la prima volta come patologia professionale

Le persone più esposte sono i professionisti che lavorano nella foresta (silvicoltori, taglialegna, ranger ...) e quelli che ci vanno per il loro tempo libero: cacciatori, golfisti, pescatori, raccoglitori di funghi, escursionisti, campeggiatori o ancora domenica camminatori.

Dopo diversi mesi di procedimenti, il tribunale della previdenza sociale di Gueret (Creuse) ha riconosciuto la malattia di Lyme di Eric Oden come patologia professionale. Una prima in Francia. La reciprocità sociale agricola (MSA), che aveva rifiutato la sua richiesta di risarcimento, è stata condannata dal tribunale a pagargli 1200 euro.

Questo tecnico della foresta nella federazione venatoria di Creuse ha sofferto della malattia di Lyme per 4 anni, soprattutto perché il suo uso gli richiede di essere in contatto regolare con animali che portano zecche. "I sintomi sono molteplici: dolori articolari, tremori e disturbi neurologici - perdita di memoria, stato depressivo", spiega a France 3 Nouvelle-Aquitaine. Secondo lui, questa decisione di giustizia dimostra "che esiste la malattia cronica. È necessario che si evolva sulla cura in Francia. Che diventi catastrofico", la stima.

Come ridurre la presenza di zecche vicino a casa sua?

È importante proteggersi dalle punture di zecche, soprattutto indossando abiti leggeri per distinguerli più facilmente sul tessuto, scarpe chiuse, pantaloni, coprire la testa e favorire i percorsi aperti piuttosto che quelli alti. erbe aromatiche. Ricorda di ispezionare attentamente ogni persona dopo un giro rischioso, così come gli animali domestici.

Per evitare che le zecche si depositino intorno alle case residenziali (se si trovano vicino a una zona selvaggia o boschi), è consigliabile falciare regolarmente il prato e mantenere il cortile. Anche le foglie, il pennello e le erbacce dovrebbero essere rimossi dal bordo del prato e vicino alle pareti di pietra. L'attività dei roditori deve essere prevenuta pulendo e sigillando i muri di pietra e le piccole aperture intorno alla casa.

Gli animali domestici dovrebbero essere prevenuti, in particolare i cani, dall'entrare nei boschi e possibilmente mettere repellenti per zecche sugli animali domestici. Altalene e sandbox per bambini dovrebbero essere disponibili lontano dai lotti di legno. È lo stesso per le riserve di legno. Terrazze in pietra o cemento sono preferite nelle aree endemiche.

Cosa fare in caso di morso?

Se sei stato morso, è urgente rimuovere rapidamente la zecca, se possibile entro 12-36 ore dopo il morso. Un ticker (venduto in farmacia) è essenziale per rimuoverlo afferrandolo nella direzione dell'asse del suo corpo (per rimuovere tutto il corpo) e ruotandolo in senso antiorario .

Credito: andriano_cz / iStock

Questo gesto deve essere eseguito con delicatezza in modo che il segno di spunta non vomiti sotto la pelle eventuali batteri che trasporta. Non esitate ad aiutare con una lente d'ingrandimento e disinfettare l'area una volta rimosso il segno di spunta. Dovrai comunque monitorare il morso per un mese per assicurarti che una placca rossa non cresca lì. In tal caso, consultare immediatamente un medico.

Per ulteriori informazioni, puoi anche consultare:

Il sito web del Ministero della salute
//www.sante.gouv.fr/maladie-de-lyme.html

Il sito dell'associazione France Lyme
//francelyme.fr/

Video: Le zecche. Rischi per la salute e cosa fare per prevenirli (Gennaio 2020).