Sciatica: un nuovo esame per scegliere meglio il trattamento delle forme croniche

Nella sciatica cronica, una forma ribelle di dolore al nervo sciatico, un'accurata analisi d'assedio dell'infiammazione neurologica (radice o midollo spinale) mediante un nuovo esame può determinare quali pazienti beneficeranno maggiormente dei diversi trattamenti.

Uno studio rivela, per la prima volta nell'uomo, che le persone con sciatica cronica hanno segni di infiammazione in aree chiave del sistema nervoso.

In un articolo pubblicato sulla rivista Pain, un gruppo di ricerca del Massachusetts General Hospital (MGH) mostra che i livelli medi di un marker di infiammazione neurologica sono alti nelle aree dorsali del midollo spinale e delle radici nervi di pazienti con sciatica cronica.

Lo studio mostra anche una chiara associazione tra il livello di infiammazione nella radice del nervo interessato e la risposta alle iniezioni antinfiammatorie del corticosteroide attorno a questa radice.

La sciatica è una malattia principalmente infiammatoria

Sebbene l'esistenza di infiammazione delle radici nervose sia dimostrata durante il dolore acuto della sciatica e che giustifichi le iniezioni di corticosteroidi a scopi antinfiammatori effettuate in questa indicazione, l'evidenza che collega l'infiammazione neurologica con il dolore durante la sciatica cronica erano limitati nell'uomo.

Numerosi studi sugli animali hanno dimostrato il coinvolgimento dell'infiammazione nel dolore cronico, mediante l'attivazione del sistema immunitario o delle cellule gliali (che svolgono un ruolo importante nel sistema nervoso), il che aumenta la possibilità che L'infiammazione di origine neurologica potrebbe essere un trattamento adeguato.

Questo è vero per gli studi che hanno dimostrato l'attivazione delle cellule gliali nel cervello dei pazienti con dolore cronico, ma finora nessuno studio ha dimostrato l'esistenza di infiammazione neurologica al di fuori del cervello nei pazienti con dolore cronico. persone con dolore cronico.

TSOP, un marker di infiammazione neurologica

Il presente studio combina tecniche di imaging tradizionali, come la risonanza magnetica, con l'imaging PET con un prodotto di contrasto radiologico che si lega a TSPO, un marker di infiammazione neurologica. Si intendeva verificare l'ipotesi che il coinvolgimento della radice cronica, durante la lombalgia cronica, fosse associato all'attivazione infiammatoria del midollo spinale e della radice nervosa, negli spazi della colonna vertebrale intorno il midollo.

I partecipanti allo studio, 16 pazienti con sciatica cronica e 10 volontari sani (controlli), avevano combinato la risonanza magnetica e l'imaging PET che si concentravano sul forame, un orifizio laterale della colonna lombare attraverso il quale il la radice lascia il canale midollare su ogni piano.

Immagini di sezioni del midollo spinale inferiore corrispondenti alla comparsa di radici nervose colpite da sciatica sono state eseguite anche in un sottogruppo di 18 pazienti (9 pazienti e 9 controlli).

TSOP più alto nelle radici dei responder ai corticosteroidi

Rispetto ai partecipanti del gruppo di controllo, i livelli di TSPO nei pazienti con sciatica cronica sono più alti nelle radici (regione del forame) e nel midollo spinale. Gli aumenti associati alla sciatica sono infatti osservati nelle radici nervose del lato interessato e nei corrispondenti segmenti del midollo spinale.

Dei 9 pazienti che hanno ricevuto iniezioni di corticosteroidi come parte del loro trattamento (2 prima di CT e 7 dopo), solo 5 hanno avuto un significativo sollievo dal dolore, ma questi 5 pazienti sollevati hanno avuto tutti TSPO superiore e quindi infiammazione neurologica nella radice del nervo, a livello della regione foraminale.

Identifica l'esatta sede dell'infiammazione neurologica

"Ha senso il fatto che i pazienti con i più alti livelli di TSPO nelle radici nervose traggano maggiori benefici dal trattamento antinfiammatorio mediante infiltrazione locale di corticosteroidi", ha affermato uno dei ricercatori. "Per i pazienti che non si sono sentiti utili dopo l'iniezione di corticosteroidi, la fonte dell'infiammazione e del dolore può essere altrove rispetto alla radice del nervo: nel midollo spinale o nel cervello stesso. anche. "

Se altri studi più ampi confermano che l'efficacia delle iniezioni di corticosteroidi è correlata all'infiammazione delle radici nervose, i medici avranno un modo per identificare i pazienti che hanno maggiori probabilità di beneficiare di questa procedura.

Per i pazienti che non rispondono alle iniezioni di corticosteroidi locali, sono in corso ricerche per trovare un trattamento in grado di trattare l'infiammazione neurologica nel midollo spinale.

Video: Epiduroscopia per il trattamento del dolore e della lombosciatalgia cronica (Novembre 2019).