Tumore del sangue: un'anomalia del sangue rilevata nei vigili del fuoco l'11 settembre

I pompieri l'11 settembre 2001, che hanno risposto all'attentato del World Trade Center, sono stati esposti a detriti e polvere contenenti agenti cancerogeni. Secondo due studi pubblicati su JAMA Oncology, questi soccorritori hanno un difetto del sangue che può trasformarsi in cancro.

Nessuno ha dimenticato gli attacchi dell'11 settembre 2001 a New York. E certamente non le centinaia di vigili del fuoco che sono intervenuti quel giorno. Continuano a tracciare le tracce dell'evento. E questo influisce sulla loro salute.

Secondo uno studio americano, pubblicato sulla rivista JAMA Oncology, questi soccorritori sono stati esposti ad agenti molto tossici sul sito del World Trade Center. Agenti cancerogeni, contenuti in polvere e detriti, che possono causare a casa una gammopatia monoclonale di significato indeterminato (MGUS), una malattia precancerosa.

Altri pompieri malati

La gammopatia monoclonale di significato indeterminato è un'anomalia del sangue che potrebbe non essere un problema. Ma può anche progredire verso il mieloma multiplo, un tipo di tumore del sangue. Negli Stati Uniti, ogni anno vengono diagnosticate 30.000 persone. La maggior parte dei casi di mieloma multiplo viene diagnosticata in persone di età superiore ai 65 anni e solo il 5% dei casi si verifica in persone di età inferiore ai 50 anni.

I ricercatori dell'Albert Einstein College of Medicine, del Montefiore Health System, dei vigili del fuoco della città di New York (FDNY) e del Sloan Kettering Cancer Center Memorial hanno valutato la prevalenza di MGUS in una popolazione di 781 vigili del fuoco esposti ad agenti tossici rispetto a un gruppo non esposto. Di conseguenza, la prevalenza di MGUS nei pompieri era quasi il doppio.

Inoltre, questo difetto del sangue appare nei vigili del fuoco in giovane età, il che suggerisce ai ricercatori che hanno maggiori probabilità di sviluppare mieloma multiplo.

Prevedi i casi di cancro in futuro

Nel secondo studio, i ricercatori hanno cercato di prevedere il numero di casi di cancro correlati all'operazione di salvataggio del World Trade Center che verrà diagnosticata dal 1 ° gennaio 2012 al 31 dicembre 2031.

Secondo loro, sarebbero 2.960, contro 2.596 su una popolazione di controllo. Precedenti studi hanno già montato la rinascita del cancro tra coloro che erano in prima linea durante l'attacco dell'11 settembre. Non solo mieloma multiplo, ma anche leucemia, cancro alla prostata o leucemie.

I risultati di questo studio sottolineano l'importanza di test di gammopatia monoclonale di significato indeterminato per prevenire il rischio di cancro.