Coppia: come gestire il tuo celibato?

Scelto o no, il celibato può essere una vera fonte di realizzazione e insegnamento.

L'ingiunzione di essere in una relazione a volte è pesante quando sei single. Anche se sarebbe meglio essere "soli che male accompagnati", come gestire questo status ambiguo, sinonimo di libertà e solitudine?

Perché si deve accettare il proprio celibato?

Tutti passano un giorno o l'altro da questa fase di solitudine. Sia per scelta, sia per subire, dopo una relazione più o meno lunga, accettare il celibato non solo ti consente di concentrarti di nuovo su te stesso, ma anche di riprenderti meglio.

Combattere questo stato di solitudine non fa che rafforzare la sofferenza e prevenire la crescita personale. Anche dopo una pausa difficile, è possibile fare questo lavoro di accettazione per ricostruire meglio.

Come vedere il lato positivo del celibato?

Approfitta dell'essere una sola persona e sfruttarla ti aiuta a prenderti cura di te stesso, a sapere cosa vuoi e a prosperare. Per smettere di usare il ciclomotore, è meglio diventare emotivamente indipendenti pensando a se stessi, senza aspettare il proprio benessere dall'altro; promuovi progetti personali e professionali, concediti più tempo, fai le tue scelte e stabilisci le priorità, coltiva il tuo social network in modo da non ricadere su te stesso trascorrendo del tempo con la famiglia e gli amici, non concentrarsi sull'incontro con un nuovo partner.

I single che vivono male della loro solitudine possono soffrire di dipendenza emotiva e avere difficoltà a vivere con se stessi. Tuttavia, imparando a convivere con se stessi nel corso del celibato, si può successivamente vivere una vita sana e appagante di una coppia che rispetti la libertà di ciascuno.

Video: Perché le partecipazioni matrimonio sono importanti - Matrimoni con l'accento - Roberta Patanè (Febbraio 2020).