Dipendenza da smartphone: come uscire da questa dipendenza?

Uno studio americano sottolinea i pericoli di un "consumo" eccessivo del suo smartphone. Secondo gli autori di questo lavoro, essere dipendenti dallo smartphone avrebbe le stesse conseguenze sulla salute mentale della dipendenza da droghe o alcol con ansia e depressione. Tuttavia, sarebbe abbastanza semplice tornare a una normale modalità d'uso.

Foto, internet, social network ... Molto più di un semplice telefono, lo smartphone ha così tante caratteristiche diverse che è diventato per molti di noi una parte indispensabile della nostra vita quotidiana. Ma per alcuni, in particolare i giovani, può essere oggetto di una vera dipendenza.

In un nuovo studio pubblicato in neuro- Erik Peper, professore di educazione sanitaria presso la San Francisco State University e Richard Harvey, professore associato di educazione sanitaria, affermano che l'uso eccessivo di smartphone può portare agli stessi sintomi della dipendenza da droghe o all'alcool.

Dipendenza comportamentale

"La dipendenza comportamentale dall'uso dello smartphone crea connessioni neurologiche nel cervello allo stesso modo in cui la dipendenza da oppioidi è vissuta da persone che assumono Oxycontin per alleviare il dolore gradualmente", ha detto Peper. Inoltre, la dipendenza dalla tecnologia può influire in modo significativo sulla qualità delle nostre relazioni sociali.

Nel loro sondaggio condotto su 135 studenti dell'Università di San Francisco, il professor Peper e Pr Harvey hanno scoperto che gli studenti che utilizzavano il telefono avevano maggiori probabilità di sentirsi isolati, ansiosi e depressi.

Concentrazione alterata

Secondo i ricercatori, la solitudine avvertita dagli utenti è in parte una conseguenza della mancanza di interazione reale, a favore di una modalità di comunicazione in cui il linguaggio del corpo e altri segni non possono essere interpretati. In altre parole, conversare con gli altri solo attraverso lo schermo del proprio smartphone e non faccia a faccia può sviluppare una sensazione di solitudine dannosa per la salute mentale.
Hanno anche scoperto che questi stessi studenti erano quasi costantemente multitasking quando studiavano, guardavano altri media, mangiavano o frequentavano le lezioni. "Questa costante attività lascia poco tempo a corpo e mente per rilassarsi e rigenerarsi e si traduce anche in un" semi-compito "in cui le persone svolgono due o più compiti contemporaneamente - ma lo fanno il doppio sebbene lo avrebbero se si fossero concentrati su un compito alla volta ", afferma il professor Peper.

Una dipendenza generata dal meccanismo dell'istinto di sopravvivenza

Gli autori dello studio spiegano questo fenomeno di dipendenza dalle numerose notifiche ("push") e altri avvisi che riceviamo costantemente sui nostri telefoni e computer. Si potrebbe obiettare che proprio non cedere alla tentazione di consultare il suo smartphone ogni 3 secondi.

Solo che, come spiegano i ricercatori, in realtà è più facile a dirsi che a farsi. Questo riflesso innesca la stessa attività neurale di quando il nostro cervello ci avverte di un pericolo imminente, come l'attacco di una tigre o di un altro grande predatore.
Non è facile, quindi, ignorare questo messaggio che il nostro cervello ci invia. "Il problema è che ora stiamo usando gli stessi meccanismi - che una volta ci proteggevano e ci permettevano di sopravvivere - per catturare le informazioni più insignificanti", si lamenta il professor Peper.

Disattiva push e avvisi per ridurre la nostra dipendenza

Lo scienziato ci incoraggia a prenderci cura di noi stessi e ci allena per ridurre la nostra dipendenza dal telefono e dal computer. Per fare ciò, il professor Peper suggerisce di disabilitare le notifiche push e di impostare periodi di tempo specifici per rispondere alle e-mail e ai social media senza interruzione per concentrarsi su compiti importanti per il resto del tempo.

Questa non è la prima volta che uno studio evidenzia i pericoli di una dipendenza da smartphone per la salute mentale. Alla fine di dicembre, il dott. Hyung Suk Seo, dell'Università della Corea, ha presentato uno studio sui pericoli della dipendenza da smartphone. Secondo il medico, gli adolescenti dipendenti dal loro telefono e da Internet hanno uno squilibrio chimico nel cervello che li predispone alla depressione e all'ansia.

Video: DIPENDENZA DA SMARTPHONE (Ottobre 2019).