Cannabis: cos'è la sindrome dei cannabinoidi e come risolverlo?

Negli Stati Uniti, una sindrome appare sempre più tra i consumatori pesanti di cannabis. Provoca nausea o forte dolore addominale. Secondo i ricercatori, il modo migliore per rimediare è sorprendente ...

Vomito, dolore addominale resistente ai farmaci ... Ecco i sintomi della sindrome cannabinoide (o iperemia della cannabis). Si verifica tra gli utenti pesanti di cannabis.

Negli Stati Uniti, il numero di fumatori è in aumento. E in proporzione, anche il numero di persone con questa sindrome. Ricercatori statunitensi pubblicano uno studio sulla rivista Basic & Clinical & Pharmacology & Toxicology in cui spiegano che fino ad oggi, il modo migliore per risolverlo sarebbe fare una doccia calda o un bagno.

La causa della sindrome ancora misteriosa

La sindrome dei cannabinoidi è ciclica e funziona con convulsioni. I ricercatori hanno basato il loro studio su 155 consumatori pesanti di cannabis, che fumano almeno venti giorni al mese. Di questi, il 33% ha già sofferto di questa sindrome.

Gli scienziati non sanno ancora qual è la causa esatta della sindrome cannabinoide. Ma ci sono ancora alcune tracce. Ad esempio il nostro corpo, per curare il dolore, contiene cannabinoidi endogeni.

È per questo motivo che la marijuana aiuta a lenire il dolore nei consumatori perché interagisce con questi cannabinoidi endogeni. Alcuni medici ritengono che, d'altro canto, stimolare troppo spesso questo sistema "antidolorifico" provocherebbe la sindrome.

La doccia calda, vero rimedio o distrazione del cervello?

Se i ricercatori dello studio hanno scoperto che fare la doccia o il bagno caldo potrebbe ridurre o arrestare i sintomi della sindrome, è ancora un'ipotesi. Non c'è certezza per il momento. Fare una doccia calda potrebbe essere solo un modo per fare un diversivo. Diversi segnali sensoriali vengono inviati al cervello e questo quindi calma il dolore.

È ovvio che il modo migliore per evitare questa sindrome è semplicemente evitare il fumo.