Piano di autismo: 344 milioni di euro sul tavolo per un enorme ritardo

Venerdì il governo ha presentato il suo piano sull'autismo 2018-2022, per migliorare l'assistenza alle persone con autismo. Una strategia ambiziosa che enfatizza la diagnosi precoce e l'inclusione sociale, ma con risorse limitate.

Prevenzione, diagnosi precoce e inclusione sociale: questi sono i temi principali del piano di autismo 2018-2022, presentato venerdì da Édouard Philippe, insieme ai ministri Agnès Buzyn (sanità), Jean-Michel Blanquer (istruzione nazionale) e Frédérique Vidal (istruzione superiore ). In totale, sono stati stanziati oltre 344 milioni di euro in cinque anni - contro 205 milioni in precedenza - al fine di provocare l '"inizio" richiesto dal Primo Ministro.

Va detto che la Francia è in ritardo in questo settore, in particolare per quanto riguarda i paesi anglosassoni. Scolarizzazione rara, ospitalità insufficiente, diagnosi troppo tardiva, operatori sanitari scarsamente addestrati: la cronaca non è gloriosa. Lo scorso gennaio, in una relazione molto critica, la Corte dei conti ha criticato la conoscenza di un disturbo dello spettro autistico "troppo lacunare" (ASD) e di "progressi insufficienti" nell'assistenza, nonostante 6,7 miliardi di d euro spesi ogni anno per questo scopo.

La nuova strategia per l'autismo ruoterà attorno a cinque assi: sostenere la piena cittadinanza degli adulti con autismo (115 milioni), intervenendo dalla più giovane età dei bambini (106 milioni), migliorare la scolarizzazione e le sue condizioni di sostegno (103 milioni ), sostenere le famiglie (6 milioni) e mettere la scienza al centro delle cure (14 milioni).

Promuovere la diagnosi precoce

Per quanto riguarda la formazione, il governo intende ridurre la "pausa" tra i dati scientifici e le conoscenze degli operatori sanitari, con l'introduzione di un modulo sull'autismo nella formazione di medici, insegnanti di scuola materna, logopedisti, terapisti psicomotori e infermieri. Per quanto riguarda la componente di ricerca, pari a 14 milioni di euro, si concentrerà in particolare sull'epidemiologia della malattia, ancora poco conosciuta in Francia.

Il sostegno familiare non è stato dimenticato. Un "pacchetto di intervento precoce" sarà istituito dal 1st Gennaio 2019, per coprire l'accesso agli operatori sanitari che non sono rimborsati dall'assicurazione sanitaria (terapisti psicomotori, terapisti occupazionali, psicologi ...). Ogni dipartimento dovrà inoltre aprire una "piattaforma di tregua" per offrire alle famiglie soluzioni di assistenza all'infanzia o alloggi per adulti con autismo.

Oggi, quasi la metà delle diagnosi di autismo si verificano tra i 6 ei 16 anni. Ma la diagnosi precoce, a volte già di 2-3 anni, migliora notevolmente il futuro del bambino, come recentemente ricordato dalla HAS. "Entro il 2019, tutti i bambini nati nel 2018 dovrebbero avere accesso allo screening e al pacchetto di intervento precoce e che questa generazione, il più presto possibile, sarà in grado di entrare completamente a scuola nel 2021", ha detto. discutere per Matignon.

Istruzione scolastica e inclusione sociale

Questo quarto piano di autismo prevede anche la scolarizzazione di tutti i bambini con autismo all'età di tre anni, per triplicare il numero di unità di insegnamento della scuola materna (piccole classi per un maggiore sostegno) e per istituire un percorso scolastico adattato dalla scuola primaria a quella superiore, per facilitare l'accesso all'istruzione superiore. Ad oggi, l'80% dei bambini autistici non ha ancora accesso alla scuola.

Il governo vuole finalmente porre fine all'inadeguato ricovero in ospedale degli adulti in psichiatria: "L'obiettivo è che non esiste più un ricovero a lungo termine per l'autismo che è presente alla fine del strategia "nel 2022, afferma Matignon. È inoltre prevista l'apertura di coinquilini nelle case popolari per le persone con autismo e il raddoppio dei crediti per l'occupazione sostenuta, al fine di facilitare l'integrazione sociale.

Resta il fatto che le associazioni familiari si dichiarano deluse da questo quarto piano. "Ciò che ci viene presentato non ha né la forma né i mezzi di un grande piano di sanità pubblica", dice Danièle Langloys, presidente dell'associazione Autism France, nelle colonne del mondo. Stessa cosa con l'autismo al sesamo o il superamento dell'autismo. Per queste associazioni, i 344 milioni di euro assegnati in cinque anni, o 70 milioni di euro all'anno, impallidiscono contro le ambizioni mostrate.

Video: terapia ABA autismo - il dialogo 1 (Ottobre 2019).