Caduta: aumento della mortalità cardiaca con febuxostat

Febuxostat, un recente farmaco anti-gotta, aumenta il rischio di mortalità cardiovascolare e generale rispetto al trattamento convenzionale, secondo uno studio presentato al Congresso americano di cardiologia. Una scoperta sorprendente in una malattia in cui l'acido urico dovrebbe essere dannoso per il cuore.

I risultati di uno studio di sicurezza sulla sicurezza cardiovascolare di febuxostat, un farmaco anti-gotta introdotto alcuni anni fa, sono stati presentati alla conferenza dell'American College of Cardiology.

E vanno contro una tendenza negli ultimi anni che l'innalzamento dell'acido urico nel corpo non è stato solo un male per le articolazioni, aumentando l'infiammazione, l'iperuricemia era anche un male per il cuore.

Lo studio CARES è stato condotto su richiesta dell'agenzia sanitaria statunitense, la FDA, per valutare l'importanza dell'eccessivo rischio cardiovascolare che era stato osservato nel programma di sviluppo di febuxostat, un nuovo anti-gottoso molto potente messo sul mercato qualche anno fa.

Condotto in oltre 6.000 pazienti affetti da gotta, lo studio randomizzato ha confrontato febuxostat e allopurinolo e mostra un eccesso di mortalità cardiaca nel gruppo febuxostat. I risultati sono stati pubblicati nel New England Journal of Medicine.

Aumento della mortalità cardiovascolare

L'endpoint primario era composito, che includeva diversi criteri: morte cardiovascolare, infarto non fatale, ictus non fatale e angina instabile con rivascolarizzazione urgente.

Lo studio CARES è stato interrotto prematuramente perché i risultati preliminari mostrano che, nel complesso, febuxostat non aumenta il rischio di questi eventi rispetto all'allopurinolo ma, quando i risultati sono valutati separatamente, febuxostat mostra un aumento del rischio di morte per tutte le cause e morte cardiovascolare.

Febuxostat è attualmente prescritto principalmente in Francia in pazienti con insufficienza renale che non possono assumere allopurinolo perché è controindicato in questo caso.

Nessuna spiegazione ovvia

I tassi per l'endpoint primario composito erano il 10,8% di febuxostat e il 10,4% di allopurinolo (p = 0,002 non inferiorità) nell'intento di trattare. Tuttavia, febuxostat aumenta il rischio di mortalità per tutte le cause del 22%, a causa di un aumento del 34% delle morti cardiovascolari e morte improvvisa (2,7% vs 1,8%).

Risultati coerenti, intenzione di trattamento e per trattamento e analisi dei dati ciechi rendono il rischio di mortalità in eccesso "solido" secondo il CCA.

In questa fase, non vi è alcuna spiegazione per questo eccesso di rischio di morte con febuxostat (nessun cambiamento nel QT o in fattori trombotici), a parte il fatto che i pazienti nello studio CARES avevano un rischio cardiovascolare più elevato. rispetto a quelli degli studi del programma di sviluppo, che potrebbero rivelare meglio questo rischio eccessivo.

Uno studio sulla sicurezza

Il programma di sviluppo del febuxostat in oltre 5.000 pazienti aveva mostrato un tasso più elevato di eventi cardiovascolari nel febuxostat rispetto all'allopurinolo, ma senza mortalità eccessiva. Ciò ha indotto la FDA a commercializzare il prodotto soggetto al completamento di uno studio sulla sicurezza cardiovascolare.

La FDA ha pubblicato un avviso di sicurezza sul rischio di morte cardiovascolare sotto febuxostat sul suo sito Web, sulla base dell'analisi preliminare CARES. L'agenzia ha dichiarato in quel momento che avrebbe condotto una revisione completa dei dati e pubblicato un aggiornamento dopo la piena disponibilità dei dati.

Allopurinolo è anche privo di rischi

Questi risultati dello studio CARES con febuxostat sono tanto più preoccupanti in quanto sono ottenuti rispetto all'allopurinolo. Tuttavia, un altro recente studio sulla sicurezza cardiovascolare ha confrontato l'allopurinolo con probenecid, un vecchio farmaco anti-gotta, da un'analisi retrospettiva in un campione di popolazione dal database Medicare.

Questa analisi, che è meno robusta di uno studio randomizzato, rivela che l'allopurinolo è anche privo di complicanze cardiovascolari poiché esiste un rischio complessivo di eventi cardiovascolari del 20% inferiore con probenecid e un rischio di mortalità per tutte le cause. Cause inferiori del 13% insieme a probenecid.

L'analisi completa del file da parte delle agenzie sanitarie è in corso.