La metà dei medici di famiglia si rifiuta di fare il medico curando un nuovo paziente

Sempre più pazienti fanno fatica a trovare un medico, secondo un recente sondaggio del quotidiano Le Généraliste. Le cause

Più della metà dei medici di medicina generale oggi rifiuta di essere medici che trattano nuovi pazienti. Questo è il risultato di un sondaggio condotto da Le Généraliste con 462 praticanti.
Più specificamente, il 53% degli intervistati ha dichiarato "rifiuta di essere il medico che cura i nuovi pazienti". Il 7% dei pazienti che attualmente non ha un medico curante sta lottando per trovarne uno, il che illustra le tensioni demografiche in alcuni territori in cui la generazione di professionisti di "Baby Boomer" si sta ritirando.

Fino al 20% senza medico

10.000 dei 50.000 abitanti di Laval, nella Mayenne, per esempio, sarebbero senza medico. "A Nevers, migliaia di pazienti sono senza medico, è un disastro assoluto", afferma il dott. Thierry Lemoine, intervistato da Le Généraliste. "Non devi lasciare nessuno senza un dottore. Possiamo forse prendere di più se l'organizzazione e il coordinamento migliorano con la delega di compiti ", analizza il direttore dell'assicurazione sanitaria Nicolas Revel.

Istituzione di deroghe

Per compensare la mancanza di cure mediche, alcuni territori istituiscono deroghe. Il CPAM della Borgogna consente ai praticanti di Pontarlier di valutare le consultazioni come emergenze - 25 euro - per consentire ai loro pazienti di essere rimborsati come se fossero il loro medico. Soluzioni provvisorie in attesa di una necessaria riorganizzazione delle cure.