Giochi olimpici invernali: peggioramento dello scoppio della gastroenterite a Pyeongchang

Nel sito olimpico di Pyeongchang, il numero di persone in ginocchio con gastroenterite da norovirus è più che raddoppiato a 86, secondo il Korea Center for Disease Control and Prevention (KCDC).

Dopo l'annuncio iniziale di 32 casi martedì scorso, 54 nuovi casi di gastroenterite da norovirus, con vomito e diarrea, sono stati confermati mercoledì. Le persone colpite sono agenti di polizia, personale di sicurezza e personale addetto alla preparazione del cibo. Sono state messe in atto misure di contenimento.
Lo scoppio della gastroenterite da norovirus è scoppiato prima della cerimonia di apertura e ha portato alla quarantena di circa 1.200 agenti di sicurezza. Gli organizzatori hanno dovuto chiamare il personale militare per sostituirli.

Alta stagione per gastroenterite

"Al fine di fermare la diffusione del virus, mettiamo in quarantena i pazienti dalla diagnosi al recupero. Conteneremo questa epidemia ", ha detto mercoledì sera il regista del KCDC Kim Hyun-jun.
Ha aggiunto che gennaio e febbraio sono stati "alta stagione" per il virus della gastroenterite, ma per fortuna nessun atleta sarebbe stato interessato finora.

Un precedente a Londra

Un'epidemia di gastroenterite da norovirus altamente contagiosa è stata segnalata ai campionati mondiali di atletica leggera dell'anno scorso a Londra. Ha costretto gli atleti di diversi paesi a perdere questo evento.
Kim Hyun-jun, ha annunciato che chiunque abbia contratto il virus potrebbe essere isolato per tre giorni. "Dopo la diagnosi, il paziente verrà rimosso dal suo alloggio e la quarantena di solito terminerà dopo 48 o 72 ore."

Lavati le mani!

Per il momento, dati i numeri, l'epidemia si sta diffondendo. In Francia, è anche l '"alta stagione" per la gastroenterite. A Parigi, con tutti affollati nelle stazioni ferroviarie e metropolitane, senza dubbio ne sentiremo presto parlare.

Nel frattempo, lavati le mani.

Video: OLIMPIADI Invernali PyeongChang 2018: ORI e medaglie ITALIA (Settembre 2019).