I geni che possono riparare il midollo spinale in un pesce esistono anche nell'uomo

L'uomo condivide i geni con il lampreda, un pesce, ma l'attivazione di questi geni può riparare spontaneamente le lesioni del midollo spinale negli animali.

L'uomo scende dalla scimmia. E condivide geni interessanti con un pesce! Ricercatori americani hanno anche scoperto nei geni umani che sono coinvolti nella riparazione spontanea del midollo spinale nella lampreda marina, una specie di pesce. I risultati di questo studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Scientific Report.

Lamprey si ripara da solo

"Gli scienziati sanno da anni che il lampreda può trattare da solo le lesioni del midollo spinale, ma il principio molecolare di questa straordinaria capacità non è mai stato identificato", afferma il dottor Bloom, professore associato presso l'Istituto. Feinstein, dove hanno avuto luogo le ricerche.
Questo pesce riesce a riprendersi da un infortunio di questo tipo in 10-12 settimane, questo gli è sufficiente per riguadagnare le sue abilità di nuoto complete.

Un antenato in comune con l'umano

Il lampreda sembra un'anguilla. Il suo patrimonio genetico mostra che oltre 500 milioni di anni fa, questa specie animale condivideva un antenato con gli umani. "In questo studio, abbiamo determinato tutti i geni che vengono attivati ​​durante la guarigione del lampreda", aggiunge il professore.
Alcuni geni fanno anche parte del segnale Wnt, che è importante nello sviluppo e nella rigenerazione dei tessuti in molte specie animali. Sarà ora necessario determinare se i processi di rigenerazione nell'uomo sono compatibili con esso del lampreda.

Questa ricerca, tuttavia, rappresenta una speranza per trovare trattamenti terapeutici per il danno del midollo nell'uomo.