Menopausa: la terapia ormonale sostitutiva può prevenire la depressione

Uno studio americano mostra che l'assunzione della terapia ormonale sostitutiva per un anno dopo la menopausa aiuta a prevenire la depressione.

Vampate di calore, stanchezza, dolore ... La menopausa porta spesso molti inconvenienti. In molti casi, provoca persino sindromi depressive. Uno studio controllato con placebo, pubblicato nella versione di medicina interna del Journal of American Medical Association, mostra che l'assunzione di terapia ormonale sostitutiva per un anno limita il rischio di sviluppare depressione nelle donne in postmenopausa.
Finora la ricerca ha dimostrato che l'assunzione di terapia ormonale può ridurre l'intensità dei sintomi della depressione nelle donne in postmenopausa. Questo nuovo studio condotto presso l'Università della Carolina del Nord mostra che questo tipo di trattamento può prevenire l'insorgenza di questi sintomi per le donne in transizione verso la menopausa o solo in menopausa.

Uno studio contro il placebo

172 donne hanno partecipato allo studio. Dai 45 ai 60 anni, nessuno di loro era depresso. Sono stati seguiti tra il 2010 e il 2016. Alcuni di loro hanno ricevuto cerotti cutanei con estradiolo, una forma di estrogeno. Inoltre, i medici hanno somministrato progesterone orale una volta ogni tre mesi. L'altra metà del gruppo ha ricevuto solo placebo. Il trattamento è stato seguito per un anno.
Le donne che hanno preso la terapia ormonale sostitutiva avevano meno probabilità di sviluppare sintomi depressivi rispetto a quelle che assumevano solo placebo.

Solo un anno di trattamento

La terapia ormonale sostitutiva per la menopausa è stata oggetto di molte critiche. Critiche su larga scala quando questi trattamenti sono prolungati e aumentano il rischio di cancro al seno o ovaie, ma forse anche problemi cardiovascolari. Tuttavia, in assenza di controindicazioni, la terapia ormonale sostitutiva, specialmente quando è costituita da ormoni naturali, è un trattamento eccellente per i disturbi della menopausa e quindi la sindrome depressiva che si verificano in queste circostanze.

In tutti i casi, il trattamento ormonale deve essere discusso con il medico.